Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
05 Dicembre 2022

La storia dell’uomo che sussurrava alle cocomere

Questa è la storia dell’uomo che sussurrava alle cocomere. E’ la storia di Oriano Goldoni, nato a Finale Emilia 67 anni fa e  da sempre di stanza in quel di Gorghetto, frazione di Bomporto. Lui è quello che decide quando è il momento giusto di “tagliare” le angurie, di staccarle dalla pianta e prepararle alla vendita. Obiettivo: far arrivare sulle nostre tavole il più dolce e fresco dei frutti al suo meglio.
Come il cowboy Tom Booker del film, che cura i cavalli con straordinaria abilità, anche Oriano è un “sussurratore”. Con le angurie è davvero bravo, sa aspettare quando c’è da aspettare, azzecca il momento giusto, sa intuire con un colpo d’occhio se è troppo presto o no. O se un’anguria è cattiva.

E’ un freelance, Oriano, come si dice adesso. Lui gira fra diverse aziende agricole tra San Felice, Medolla, Mirandola, Ravarino solo nei giorni in cui le angurie arrivano a maturazione e la sua parola è legge: questa si può tagliare, questa deve aspettare.

Veniamo a conoscenza della sua esistenza un giorno che andiamo a comprare la cocomera da Adalberto Grandi, a Rivara. Adalberto dice: “Se non è rossa, me la riporti e te la cambio. Ma vedrai che è rossa”. Come fai ad esserne certo? Perchè le cocomere che compro da te sono sempre buonissime? “Perchè le nostre angurie – bisbiglia Adalberto – le taglia il tagliatore”.

Il tagliatore?

Il tagliatore non è un mestiere vero e proprio, anzi, non è un mestiere. E’ il contadino che sceglie quando è il momento giusto per tagliare angurie e meloni, non dovrebbe servire una figura per una piccola parte del processo produttivo.
Coi meloni è facile: il picciolo comincia a staccarsi da solo quando è maturo al punto giusto. Con le angurie, invece, è un terno al lotto: non ci sono segni decisivi.
Sì, la cocomera deve essere della grandezza giusta. Sì, deve essere del calibro giusto. Le striature devono essere di un certo colore di verde, la lucentezza deve essere fatta in un certo modo.
Ma non è sufficiente: angurie apparentemente perfette una volta aperte possono rivelarsi un disastro. E il tempo è scarso: in una decina di giorni le cocomere maturano troppo, ci sono varietà che addirittura non reggono oltre i due giorni: se non le stacchi appena sono mature, le perdi.

Da quando c’è Oriano, però, le cose sono cambiate qui nella Bassa. Lui aveva con la sua famiglia 30 biolche di terreni coltivate ad angurie, fino a qualche anno fa. Con le cocomere ci è cresciuto, tra le sue mani ne sono passate a centinaia di migliaia, certe stagioni ne partivano due Tir al giorno.
Una volta andato in pensione la passione non lo ha lasciato. Così, ha inziato a girare nei campi degli amici un po’ come un umarell che guarda e dà consigli. Ma i consigli di Oriano sono infallibili, e preziosi. Fanno la differenza.
Piano piano la sua fama si è sparsa ed è il momento che abbia la giusta gloria sul giornale.

Adalberto ci dà il suo numero e fissiamo un appuntamento a San Felice, nell’azienda eredi Martini Quinto dove troviamo Carlo e Mirta. Carlo guida il trattore, Mirta sta preparando la frutta da mettere in vendita. Oriano si dirige con piglio sicuro, roncoletta alla mano, verso l’appezzamento dove stanno crescendo le angurie. Ce ne sono una cinquantina in questi giorni. Tante sono già state staccate e vendute, diverse non hanno retto agli attacchi dei pidocchi, dei ragnetti, delle cornacchie. La grandine e il vento quest’anno per fortuna non hanno fatto troppi danni.

A Oriano basta uno sguardo per capire se le angurie son pronte o no: si avvicina a una cocomera e zac, taglia il picciolo: “Ci siamo”. Va avanti e ne scansa un paio: “Troppo presto”.  Un’altra viene staccata dalla pianta e buttata nel fossato: “E’ cattiva”.
Ogni tanto,rarramente, ha un dubbio: allora Oriano si ferma, si avvicina alla cocomera e bussa con la roncoletta sul guscio per ascoltare il rumore di ritorno. In base a quello che sente, in base a quello che le angurie sussurrano, decide se è il momento di tagliare oppure no.

E’ impossibile capire come fa il tagliatore a decidere. Questione di intuito, questione di feeling.

Carlo e Mirta ci accompagnano, e ci mostrano cos’altro viene coltivato nella bella azienda agricola che c’è sulla provinciale di Medolla. Le api ronzano, ci sono tante piante in fiore da impollinare. Senza di loro non sarebbe possibile,la Natura interreomperebbe un passaggio essenziale e i fiori non diventerebbero frutti. Anche le api sono freelance, come Oriano. Girano di azienda agricola in azienda agricola con il loro apicoltore che le affitta per farle lavorare quando serve.

Carlo ci mostra le coltivazioni di meloni, ci sono le zucche e le zucchine (scopriamo che i fiori gialli che si mangiamo fritti sono sia di zucchina che di zucca, vanno bene entrambi), ci sono i fagiolini e i fagioli borlotti, i pomodori, l’aglio, persino i mirtilli e i lamponi. Tutte cose che vendono rivendute direttamente al consumatore: “Tutto a chilometro zero, per davvero”, è orgoglioso Carlo.

Mirta è quella che oltre a curare i rapporti coi clienti sperimenta. I frutti di bosco, coltivazione tipica della montagna, li ha voluti lei. E sempre lei ha avuto l’intuizione di piantare la piante delle spugne. Sì avete letto bene: queste spungne crescono in campagna.
Sono quelle naturali, un frutto simile a una grossa banana che viene ripulito dalla buccia e dai semi e fatto seccare. Dopo, è una spugna perfetta per la bellezza o per le pulizie. Senza mettere di mezzo plastica e chimica.

Lasciamo la compagnia avendo imparato tante cose interessanti, con un melone, una pianta di aglio alta un metro e venti da fare vedere ai bambini, e un’anguria baby. “Figuriamoci se è buona!”. “Vedrai che è buona”, dice Carlo sicuro.

Aveva ragione lui, era buona.

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    "Natale a casa di Lucio": i presepi dell'artista Marcello Aversa in mostra nella casa di Lucio Dalla
    In una delle sue più celebri canzoni, “L’anno che verrà”, Lucio Dalla immaginava il futuro desiderato come quello in cui “sarà tre volte Natale” ed era questo, infatti, il periodo dell’anno che preferiva[...]
    Per Angelica Ferri della Villa La Personala di Mirandola il premio Internazionale “Profilo Donna”
    Già prima del terremoto, concessa per matrimoni ed eventi molto esclusivi quale, tra gli altri, il matrimonio tra Maddalena Corvaglia ed il batterista di Vasco Rossi, Stef Burns, oggi Villa La Personala si afferma sempre più come location d’eccellenza[...]

    Curiosità

    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    L'auto era stata trasformata nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla del tutto somigliante a una Ferrari F430[...]
    Mondiali, foto con la bocca tappata per i giocatori tedeschi: "Diritti umani non negoziabili"
    Mondiali, foto con la bocca tappata per i giocatori tedeschi: "Diritti umani non negoziabili"
    Protesta dei giocatori della Germania contro la decisione della Fifa di vietare la fascia arcobaleno con la scritta 'One love'[...]
    Colpa degli altri e autopromozione, i risultati della ricerca sugli stili di guida degli automobilisti
    Colpa degli altri e autopromozione, i risultati della ricerca sugli stili di guida degli automobilisti
    Seconda edizione della ricerca sugli stili di guida, commissionata da Anas e condotta da CSA Research - Centro Statistica Aziendale[...]
    Mondiali Qatar 2022, Argentina eletta la Nazionale del cuore degli italiani
    Mondiali Qatar 2022, Argentina eletta la Nazionale del cuore degli italiani
    Superscommesse e Supernews hanno lanciato un sondaggio che ha permesso a migliaia di appassionati di votare per la propria Nazionale del cuore in questo Mondiale 2022.[...]
    • malaguti