Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
03 Agosto 2021- Aggiornato alle 05:59

La storia dell’uomo che sussurrava alle cocomere

Questa è la storia dell’uomo che sussurrava alle cocomere. E’ la storia di Oriano Goldoni, nato a Finale Emilia 67 anni fa e  da sempre di stanza in quel di Gorghetto, frazione di Bomporto. Lui è quello che decide quando è il momento giusto di “tagliare” le angurie, di staccarle dalla pianta e prepararle alla vendita. Obiettivo: far arrivare sulle nostre tavole il più dolce e fresco dei frutti al suo meglio.
Come il cowboy Tom Booker del film, che cura i cavalli con straordinaria abilità, anche Oriano è un “sussurratore”. Con le angurie è davvero bravo, sa aspettare quando c’è da aspettare, azzecca il momento giusto, sa intuire con un colpo d’occhio se è troppo presto o no. O se un’anguria è cattiva.

E’ un freelance, Oriano, come si dice adesso. Lui gira fra diverse aziende agricole tra San Felice, Medolla, Mirandola, Ravarino solo nei giorni in cui le angurie arrivano a maturazione e la sua parola è legge: questa si può tagliare, questa deve aspettare.

Veniamo a conoscenza della sua esistenza un giorno che andiamo a comprare la cocomera da Adalberto Grandi, a Rivara. Adalberto dice: “Se non è rossa, me la riporti e te la cambio. Ma vedrai che è rossa”. Come fai ad esserne certo? Perchè le cocomere che compro da te sono sempre buonissime? “Perchè le nostre angurie – bisbiglia Adalberto – le taglia il tagliatore”.

Il tagliatore?

Il tagliatore non è un mestiere vero e proprio, anzi, non è un mestiere. E’ il contadino che sceglie quando è il momento giusto per tagliare angurie e meloni, non dovrebbe servire una figura per una piccola parte del processo produttivo.
Coi meloni è facile: il picciolo comincia a staccarsi da solo quando è maturo al punto giusto. Con le angurie, invece, è un terno al lotto: non ci sono segni decisivi.
Sì, la cocomera deve essere della grandezza giusta. Sì, deve essere del calibro giusto. Le striature devono essere di un certo colore di verde, la lucentezza deve essere fatta in un certo modo.
Ma non è sufficiente: angurie apparentemente perfette una volta aperte possono rivelarsi un disastro. E il tempo è scarso: in una decina di giorni le cocomere maturano troppo, ci sono varietà che addirittura non reggono oltre i due giorni: se non le stacchi appena sono mature, le perdi.

Da quando c’è Oriano, però, le cose sono cambiate qui nella Bassa. Lui aveva con la sua famiglia 30 biolche di terreni coltivate ad angurie, fino a qualche anno fa. Con le cocomere ci è cresciuto, tra le sue mani ne sono passate a centinaia di migliaia, certe stagioni ne partivano due Tir al giorno.
Una volta andato in pensione la passione non lo ha lasciato. Così, ha inziato a girare nei campi degli amici un po’ come un umarell che guarda e dà consigli. Ma i consigli di Oriano sono infallibili, e preziosi. Fanno la differenza.
Piano piano la sua fama si è sparsa ed è il momento che abbia la giusta gloria sul giornale.

Adalberto ci dà il suo numero e fissiamo un appuntamento a San Felice, nell’azienda eredi Martini Quinto dove troviamo Carlo e Mirta. Carlo guida il trattore, Mirta sta preparando la frutta da mettere in vendita. Oriano si dirige con piglio sicuro, roncoletta alla mano, verso l’appezzamento dove stanno crescendo le angurie. Ce ne sono una cinquantina in questi giorni. Tante sono già state staccate e vendute, diverse non hanno retto agli attacchi dei pidocchi, dei ragnetti, delle cornacchie. La grandine e il vento quest’anno per fortuna non hanno fatto troppi danni.

A Oriano basta uno sguardo per capire se le angurie son pronte o no: si avvicina a una cocomera e zac, taglia il picciolo: “Ci siamo”. Va avanti e ne scansa un paio: “Troppo presto”.  Un’altra viene staccata dalla pianta e buttata nel fossato: “E’ cattiva”.
Ogni tanto,rarramente, ha un dubbio: allora Oriano si ferma, si avvicina alla cocomera e bussa con la roncoletta sul guscio per ascoltare il rumore di ritorno. In base a quello che sente, in base a quello che le angurie sussurrano, decide se è il momento di tagliare oppure no.

E’ impossibile capire come fa il tagliatore a decidere. Questione di intuito, questione di feeling.

Carlo e Mirta ci accompagnano, e ci mostrano cos’altro viene coltivato nella bella azienda agricola che c’è sulla provinciale di Medolla. Le api ronzano, ci sono tante piante in fiore da impollinare. Senza di loro non sarebbe possibile,la Natura interreomperebbe un passaggio essenziale e i fiori non diventerebbero frutti. Anche le api sono freelance, come Oriano. Girano di azienda agricola in azienda agricola con il loro apicoltore che le affitta per farle lavorare quando serve.

Carlo ci mostra le coltivazioni di meloni, ci sono le zucche e le zucchine (scopriamo che i fiori gialli che si mangiamo fritti sono sia di zucchina che di zucca, vanno bene entrambi), ci sono i fagiolini e i fagioli borlotti, i pomodori, l’aglio, persino i mirtilli e i lamponi. Tutte cose che vendono rivendute direttamente al consumatore: “Tutto a chilometro zero, per davvero”, è orgoglioso Carlo.

Mirta è quella che oltre a curare i rapporti coi clienti sperimenta. I frutti di bosco, coltivazione tipica della montagna, li ha voluti lei. E sempre lei ha avuto l’intuizione di piantare la piante delle spugne. Sì avete letto bene: queste spungne crescono in campagna.
Sono quelle naturali, un frutto simile a una grossa banana che viene ripulito dalla buccia e dai semi e fatto seccare. Dopo, è una spugna perfetta per la bellezza o per le pulizie. Senza mettere di mezzo plastica e chimica.

Lasciamo la compagnia avendo imparato tante cose interessanti, con un melone, una pianta di aglio alta un metro e venti da fare vedere ai bambini, e un’anguria baby. “Figuriamoci se è buona!”. “Vedrai che è buona”, dice Carlo sicuro.

Aveva ragione lui, era buona.

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Mirandola, il dottor Giorgio Pasetto: “Il panorama della lotta ai tumori è fortunatamente fecondo di idee”
    Il medico ha fondato Medendi, un percorso personalizzato che attraverso una serie di azioni mirate aiuta ad individuare l’opzione di cura migliore, collaborando con l’oncologo di fiducia del paziente nell’interesse dello stesso. [...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]

    Curiosità

    Ecco le rotonde della Bassa che finiscono nella classifica delle più brutte del modenese
    L'artista modenese Tommaso Mori si è dilettato a stilare la classifica delle "Quaranta rotonde più brutte della provincia"[...]
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    L'uomo, approfittando di alcune ore di assenza degli operai, è riuscito ad impossessarsene agganciando il rimorchio sul quale erano stati posato, ad un piccolo trattore [...]
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Una bella storia quella di madre e figlia, unite nella stessa passione che le ha portate ad assaporare l'adrenalina e l'euforia di un'esperienza indimenticabile[...]
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Il brano, prodotto al Take Away Studios di Modena è un mix perfetto tra pop e reggaeton dalle sonorità latino-americane in grado di scaldare ulteriormente l'estate 2021[...]