Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Associazione Anpi, la Resistenza di oggi per ricordare quella di ieri: a tu per tu con Rossana Zanasi, presidente Anpi Medolla

MEDOLLA – L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia è attiva e ben radicata su tutto il territorio nazionale: nelle regioni, nei capoluoghi di provincia, nei comuni grandi, piccoli e a volte piccolissimi. Le sedi sparse in tutta Italia sono più di 500, concentrate soprattutto al Nord. Ma ci sono anche sedi aperte all’estero, dall’Argentina alla Repubblica Ceca, da italiani figli e nipoti di combattenti o solo sostenitori dei valori antifascisti.

In tutti questi anni, nonostante l’età, l’Anpi non se n’è stata con le mani in mano costituendosi parte civile in tutti i procedimenti penali su questioni di discriminazioni e razzismo. Si è schierata contro il terrorismo negli anni Settanta, contro la P2 negli anni Ottanta, contro Tangentopoli e la mafia negli anni Novanta.

Con i suoi 120 mila iscritti – che per ragioni crudelmente anagrafiche include sempre meno partigiani combattenti-  e una vigorosa capacità di rinnovamento e riadattamento ai tempi correnti, l’Anpi è più che mai presente e solerte.

L’area della Bassa Modenese non fa eccezione e le sezioni locali dell’Anpi, in stretta collaborazione con scuole, centri giovani e altre associazioni del territorio, divulgano ideali di democrazia, libertà, solidarietà e pluralismo culturale.

Abbiamo incontrato la presidente dell’Anpi di Medolla, Rossana Zanasi, per comprendere come le voci di ieri e di oggi riescano a saldarsi in un’associazione che in realtà rappresenta piccole e grandi resistenze di tanti di noi, ogni giorno.

In che modo e con quali progetti l’Anpi di Medolla si avvicina ai giovani?
In questo anno funestato dal Covid-19, le nostre attività hanno avuto un rallentamento come tutte le altre attività culturali ed educative. Abbiamo cercato di essere presenti con i nostri rappresentanti in tutte le occasioni con le modalità in presenza o virtuali consentite. Avevamo in programma attività di tipo storico ed educativo (quindi quelle svolte nel 2019 in collaborazione con scuole e Amministrazione Comunale) che dovranno purtroppo attendere ancora: riguardavano riflessioni sulla Costituzione, valorizzazione di protagonisti della Resistenza locale, mettere a disposizione del pubblico materiali di documentazione ma anche narrativa sul tema. Al momento dobbiamo limitarci principalmente alla gestione della nostra pagina Facebook (https://facebook.com/AnpiSezioneMedolla/)che vi invitiamo a visitare perché ha degli aggiornamenti quotidiani sui vari temi al centro del dibattito

Quest’anno, nonostante il Covid-19, avete raggiunto il 100% del tesseramento rispetto allo scorso anno: questo rivela un grande interesse dei medollesi.
La sezione Anpi di Medolla ha raggiunto con oltre un mese di anticipo (la scadenza era fissata per il 30 novembre 2020) il 100% del tesseramento rispetto allo scorso anno. Data la situazione determinata dalla pandemia, ci siamo limitati a proporre il rinnovo ai tesserati dello scorso anno, senza cercare nuove adesioni. Speriamo di poterlo fare il prossimo anno, anche sulla base delle attività che stiamo programmando a livello comunale. Ci ripaga, rispetto ai limiti imposti dalla situazione, l’interesse con cui viene seguita la pagina Facebook con quasi 1300 follower.

Carla Nespolo ha detto:” In questo momento la cultura è un’arma grande, la memoria un dovere”. Secondo lei siamo in grado oggi di salvaguardare il testamento della Resistenza? 
Oggi è sempre più difficile mantenere un’immagine equilibrata e veritiera della Resistenza. Questo è dovuto alla scomparsa dei protagonisti, ma anche al fatto che gli adulti e gli adolescenti di oggi non hanno esperienza di quel tipo di vita e vivono in condizioni di incertezza ma relativa agiatezza. Si è perciò portati a pensare che siano cose del passato, che non hanno più validità, valori un po’ ammuffiti. Salvaguardare i valori della Resistenza è una necessità dell’oggi, garantisce la convivenza civile e la prosperità del nostro Paese.
Siamo antifascisti non perché siamo comunisti, ma perché siamo democratici: per noi l’umanità è composta di individui che “hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche e condizioni personali e sociali. Crediamo nei diritti inviolabili ma anche nei doveri inderogabili di solidarietà.

Sarin Ghribi, 23 anni, è stata da poco eletta presidente dell’Anpi di Castel Bolognese. La sua elezione ha diviso un po’ l’opinione pubblica. Lei cosa ne pensa? 
Dopo il ventennio in cui il fascismo ci ha chiusi al mondo, lasciandoci uscire solo per andare a fare la guerra, tra i partigiani e gli antifascisti c’era chi sognava di riaprire l’Italia al mondo. “Bella ciao” viene cantata in piazza Tahir al Cairo, a Parigi, Londra, Mosca, New York, India, Cina e America Latina: ovunque ci sia un movimento di libertà. Penso che energie giovani, portatrici anche di punti di vista inconsueti, siano un arricchimento che sbaglieremmo a non cogliere. Essendo donna raccoglie il testimone delle staffette che pur in compiti meno bellicosi ma non meno decisivi, avevano un coraggio da leonesse. Sarin ha raccolto il “fiore del partigiano”

La Ghribi ha dichiarato:” Partigiano è chi lotta per i diritti, si può essere partigiani anche oggi”. E’ d’accordo con questa affermazione?
Sicuramente. Prendere parte per i diritti inviolabili dell’uomo e difenderli, accettando i doveri inderogabili di solidarietà sociale, è ciò che fanno i partigiani di oggi, con le armi della democrazia.

In molti dicono che in Italia si respiri, politicamente parlando, una “brutta aria”. Il clima attuale è stato definito vicino, per certi versi, a quello che un secolo fa ha portato alla nascita del fascismo. Pensa sia un’esagerazione? 
Il fascismo è arrivato al potere su spinta e iniziativa dei grandi agrari e industriali del Nord e ha cercato di permeare tutta la società, a cominciare dall’educazione e dall’istruzione dei giovani. La società italiana è molto diversa da quella dei primi decenni del Novecento, perciò non credo che il fascismo possa tornare in quei modi e in quelle forme. Ma ci sono segnali inquietanti e soprattutto episodi che ci fanno pensare che i pericoli per la convivenza democratica non siano cessati. Pensiamo a episodi recenti di disordini che non sono né spontanei, né solo espressioni di malcontento. Ci sono forze che lavorano per creare un clima di insicurezza e in alcuni casi violenze. Questo non è da sottovalutare, perché quando succede la prima cosa che viene sacrificata è la libertà personale di ognuno di noi.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIl punto della situazione del sindaco Goldoni
    • WatchZona arancione, riaprono le palestre. All'aperto. Ecco la Body Activ a San Felice sul Panaro
    • WatchLa Ciclovia del Sole da Mirandola a Bologna, l'inaugurazione

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]

    Curiosità

    “80” voglia di Carpi: la piazza, le sfitty e i paninari
    “80” voglia di Carpi: la piazza, le sfitty e i paninari
    La pagina Facebook "Commenti memorabili" ha pubblicato la lettera-reperto di un irriducibile paninaro carpigiano degli anni 80': ed è subito immersione in stile "macchina del tempo"[...]
    Nasce la pagina Instagram del Comune di Camposanto
    Nasce la pagina Instagram del Comune di Camposanto
    Per visualizzare il profilo e rimanere aggiornati, è sufficiente cercare "comunedicamposanto" sull'app di Instagram e cliccare su "Segui"[...]
    San Felice, un nuovo progetto per Cherif
    San Felice, un nuovo progetto per Cherif
    Dopo l'interruzione, per amore, del viaggio intorno al mondo, il ragazzo che nel 2012 aiutò la comunità di San Felice aprirà un ristorante di specialità italiane[...]
    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    Laura Bassi è stata la seconda donna a laurearsi in Italia e la prima a ottenere una cattedra universitaria. [...]
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]