Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
05 Dicembre 2021

Femminicidi e violenze, la “Casa delle donne contro la violenza” di Modena:” Il 25 novembre? Giornata importante, ma preferiamo pensare alle donne come sopravvissute e non vittime”

MODENA – Nonostante si faccia un grande uso della parola “emergenza”, di violenza sulle donne si parla poco e male. L’argomento viene affrontato soprattutto nelle occasioni “comandate” come l’8 marzo e il 25 novembre e nei casi di femminicidi particolarmente cruenti. In televisione, soprattutto, gli episodi di violenza vengono sensazionalizzati come singoli, banalizzati. La narrazione che prevale, in molti casi, segue la retorica della vittima: la donna è riconosciuta come soggetto vulnerabile, passivo, incapace di autodeterminarsi e bisognoso di un sostegno psicologico. Per comprendere meglio quanto i casi di violenza domestica e di genere siano radicati sul territorio della Bassa ci siamo affidate all’esperienza pluriennale della dottoressa Rosanna Bartolini presidente della Casa delle donne contro la violenza di Modena.

Potevamo offrirvi un’intervista sulle statistiche, sull’attuale situazione sul territorio, sui fondi stanziati, sui cambiamenti strutturali che i centri antiviolenza hanno adottato con l’arrivo della pandemia e sui segnali d’allarme per riconoscere un partner violento. Ma avrebbe portato a informazioni manchevoli e sterili qualificando la violenza di genere come un “fatto lontano dalla vita quotidiana”, che “capita agli altri”, che “colpisce solo un certo tipo di donne” e che “non capiterà mai a noi”.

Vogliamo invece parlarvi dei centri antiviolenza e di quanto svolgano sul campo un ruolo cruciale nei percorsi di accoglienza e aiuto alle donne in difficoltà che nella maggior parte dei casi sono terreni impervi e delicati. In particolare, vogliamo raccontarvi come la “Casa delle donne contro la violenza” di Modena – come tante nel nostro territorio, strutture di frontiera, importanti ed essenziali, ma sempre troppo poco valorizzate, se non, addirittura, messe in discussione – sia un esempio virtuoso di donne che aiutano altre donne: un aiuto mirato e concreto. Perché non si può dare semplicemente il consiglio a una donna in difficoltà senza poi aiutarla fattivamente, e allo stesso modo non la si può aiutare a trovare una casa e un lavoro senza indicarle una strada percorribile insieme.

Siamo stanche di scarpette e panchine rosse – spiega la dottoressa Bartolini – Il 25 novembre è una giornata importante, ma resta per noi una fonte di grande frustrazione”. Perché la “Casa delle donne contro la violenza” cerca OGNI GIORNO di combattere gli stereotipi e rappresentare un’alternativa efficace (nonostante l’emergenza sanitaria) per tante donne “che non sono vittime ma sopravvissute che lottano”.

Le prime settimane del lockdown di marzo sono state complicate- rievoca la Bartolini- ma siamo riuscite a lavorare da casa mantenendo tutti i contatti delle donne in percorso. Poi il 4 maggio abbiamo riaperto con le nuove regole, riscontrando un picco di attività”.

Il team del centro ha ri- organizzato in modo sostanziale le modalità operative: innanzitutto modificando gli orari (passando dalle precedenti 30 ore settimanali di apertura a 40), attivando un centralino che smistasse chiamate ed esigenze e introducendo un numero di cellulare aggiuntivo per favorire chat e messaggi.

Sicuramente le regole per il distanziamento hanno comportato un grande cambiamento: la vicinanza e l’affiancamento passa anche attraverso un abbraccio, un contatto, una stretta di una mano. Il rapporto che instauriamo con le donne è alla pari, senza giudizio e nel pieno rispetto delle volontà individuali”, precisa Rosanna Bartolini.

La “Casa delle donne contro la violenza” accoglie, consiglia, tutela e accompagna fornendo un sostegno emotivo, ospitalità (in una delle due case rifugio), assistenza legale, un appoggio nel rapporto madre-figlio che spesso si complica nel “percorso di liberazione” della donna e un aiuto pratico nella ricerca di un lavoro. Una serie di azioni che mirano a essere concrete e al tempo stesso altamente simboliche.

Non tutti i percorsi finiscono con una denuncia, ma noi ci siamo sempre. E’ la donna che sceglie quale strada percorrere, noi semplicemente la supportiamo” in qualsiasi modo e in qualsiasi caso.

Nonostante l’introduzione di aggravanti, l’entrata in vigore della Legge 19 luglio 2019 n.69 denominata Codice Rosso (che prevede un’accelerazione delle indagini e l’inserimento di due nuovi reati) e l’arresto in flagranza obbligatorio nelle ipotesi di stalking, il sistema non tutela abbastanza la vittima e non funziona ancora come dovrebbe.

Nel 2019, sono state 391 le donne accolte nei due Centri Antiviolenza di Modena e Terre dei Castelli e nel 2020, nonostante la pandemia e il lockdown, il Centro Antiviolenza di Modena ha finora accolto 303 donne. La voce unanime dei Centri è che occorre, sopra ogni altra cosa, uno sguardo sulla violenza di genere che non si fermi più al solo livello dell’emergenza. Non bastano più le giornate commemorative, ma impegno e unità d’intenti.

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della nocciola
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della mela
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Economia circolare: l’innovazione fa bene all’ambiente
Venerdì 29 ottobre si sono chiusi con risultati ben oltre le più rosee aspettative, Ecomondo e Key Energy, i due saloni dedicati all´economia circolare e alle energie rinnovabili di Italian Exhibition Group.leggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del tè
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Per i piccoli pazienti di oncoematologia arrivano i Blood Brothers Avis
    L'associazione modenese per il dono del sangue ha portato in regalo 56 pupazzi ai piccoli pazienti della Struttura di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico[...]
    I ragazzi e le ragazze delle Sassi di Soliera a lezione di legalità coi Carabinieri
    Bullismo, all’uso dei social networks e alla violenza di genere: si è discusso di questo nell'incontro[...]
    Accese le luminarie di Natale a Mirandola
    Luci & Tradizioni, la due giorni di festa dedicata alle tradizioni mirandolesi, tra cui la pcaria del maiale e la preparazione di specialità tipiche[...]

    Curiosità

    Adolescenti e pandemia, la voce dei giovani dell'Emilia-Romagna alle prese con l'emergenza sanitaria
    Adolescenti e pandemia, la voce dei giovani dell'Emilia-Romagna alle prese con l'emergenza sanitaria
    I risultati della ricerca promossa dalla Regione tra 20.750 ragazze e ragazzi dagli 11 ai 19 anni[...]
    Per i volontari di Protezione Civile è November (t)Raining
    Per i volontari di Protezione Civile è November (t)Raining
    Più di 70 volontari si sono esercitati in diversi campi, dalla logistica alle radiocomunicazioni, dalla cucina all'amministrazione.[...]
    Cavezzo, il mottese Edoardo Benatti a Dakar in taxi per sostenere la popolazione locale
    Cavezzo, il mottese Edoardo Benatti a Dakar in taxi per sostenere la popolazione locale
    E' possibile aiutare Edoardo partecipando ad una pizzata in cui parlerà del suo progetto riguardante questo "rally Cavezzo-Dakar"[...]
    Comparve insieme all'amante nel video di una canzone di Gigi D'Alessio: ottiene risarcimento
    Comparve insieme all'amante nel video di una canzone di Gigi D'Alessio: ottiene risarcimento
    La diffusione del video sotto forma di Dvd costò alla donna la fine del matrimonio[...]
    A Carpi accese in centro le luminarie di Natale
    A Carpi accese in centro le luminarie di Natale
    Nonostante la pioggia, tante persone, soprattutto bambini entusiasti in particolare per l'installazione artistica di Lorenzo Lunati:[...]
    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    15 squadre di operatori sono già al lavoro per un’operazione che durerà ancora per tutto il mese di dicembre[...]
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    I francobolli e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli Spazio Filatelia di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma1, Torino, Trieste, Venezia Verona e sul sito poste.it.[...]
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Il corso è in special modo rivolto ai bambini e alle bambine della Comunità tunisina, ma è comunque aperto a tutti coloro che desiderino conoscere la lingua araba.[...]
    La Bassa modenese come la Gran Bretagna: anche Bomporto ha i suoi crop circles
    La Bassa modenese come la Gran Bretagna: anche Bomporto ha i suoi crop circles
    Strane forme geometriche sono state immortalate qualche giorno fa da un bomportese e le fotografie degli strani cerchi nei campi della Bassa sono state poi postate sui social.[...]