Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Resistenza ed emancipazione femminile nella Bassa: la vita dell’Onorevole Gina Borellini e i progetti di Caterina Liotti

SAN POSSIDONIO- La Resistenza è passata alla storia come una “cosa fatta da uomini”, ma nelle file dei partigiani c’erano anche molte donne, ragazze e giovani poco più che adolescenti. Tutti ormai conosciamo l’importante ruolo delle donne come staffette nel movimento di Liberazione nazionale (e il territorio della Bassa ha fatto da sfondo a intrepide azioni di donne coraggiosissime) ma molte di loro entrarono nel vivo della lotta al fascismo anche per motivi “contingenti”. E’ stato anche grazie alla Resistenza, infatti, che il movimento della donna prese vigore e iniziò quel lungo e importante cammino che portò poi al femminismo: le donne venivano finalmente riconosciute come cittadine, protagoniste e portatrici dei diritti civili e politici, alla stregua degli uomini. Una conquista destinata a diverse battute d’arresto nel dopoguerra, ma che ha visto l’impegno e la perseveranza di tante donne.
Parlando di Resistenza ed emancipazione femminile nei territori della Bassa modenese, sono due le figure che, meglio di chiunque altro, esprimono – tra passato e presente, in modi diversi – l’essenza e il vigore di tali rivoluzioni storiche, culturali e sociali. Per questo abbiamo messo a dialogo due figure lontane nel tempo ma che, nella condivisione dello stesso territorio, si sono rivelate vicine in tanti propositi e azioni: l’Onorevole Gina Borellini (nata a San Possidonio e scomparsa nel 2007) e la consigliera Caterina Liotti di Modena. Entrambe impegnate in politica e fervide promotrici di rappresentanze femminili, entrambe con un grande interesse per l’emancipazione delle donne.

La prima parlamentare, partigiana e Medaglia d’Oro al valor militare: la Resistenza le ha portato via il marito (Antichiaro Martini, fucilato all’Accademia Militare) e una gamba, amputata a seguito di un’azione nell’aprile del 1945.

La dottoressa Liotti è una storica e archivista del Centro documentazione donna di Modena (un istituto culturale di ricerca dell’omonima associazione nata nel 1996 di cui è socia fondatrice) e dal 1997 è nel direttivo dell’Anpi. Ha tenuto corsi di storia delle donne e pubblicato una decina di studi a riguardo.

Proprio da questi studi, la Liotti ha conosciuto la straordinaria vita dell’Onorevole Borellini: “Il mio interesse per Gina Borellini nasce più di vent’anni fa, in occasione di una ricerca sulle partigiane modenesi che poi ho pubblicato con il titolo “A guardare le nuvole. Partigiane modenesi tra memoria e narrazione” – spiega Caterina Liotti- Volevo intervistarla, ma era stata colpita da una malattia degenerativa”. Un interesse che negli anni ha portato la dottoressa a scandagliare la vita dell’Onorevole curando i testi di un film documentario a lei dedicato (dal titolo “Vorrei dire ai giovani, Gina Borellini un’eredità di tutti” di Francesco Zarzana) e pubblicando nel 1999 con Mariagiulia Sandonà anche una biografia (“Un paltò per l’onorevole. Gina Borellini Medaglia d’oro della Resistenza”) dalla quale è stata poi tratta la mostra omonima curata dalla stessa Liotti e da Barbara Pederzini.

“Tutte queste operazioni culturali ci hanno permesso di risvegliare la memoria su una figura che, pur così significativa per la storia locale e nazionale, rischiava di rimanere nell’ombra. Da allora vediamo fiorire iniziative importanti quali dediche di strade, piazze, luoghi, targhe, a lei dedicate – spiega Caterina Liotti- Vuol dire che oggi la sua figura ha acquisito autorevolezza e i valori della pace, dell’antifascismo e dell’emancipazione delle donne a cui ha dedicato tutta la sua vita sono finalmente riconosciuti”.

La lotta per la Liberazione durante la Guerra e per la costruzione di uno stato sociale nuovo e realmente democratico negli anni successivi dell’Onorevole Borellini, rappresentano sicuramente fonte di grande ispirazione per tutte quelle donne che, come Caterina Liotti, oggi ,ne raccolgono il testimone.

Il risultato è un meraviglioso dialogo fra generazioni differenti, una vera e proprio “eredità” da tutelare e tramandare.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]