Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
17 Ottobre 2021

Scooter elettrico senza casco e assicurazione, Adiconsum:”5mila euro di sanzione a un cittadino nel modenese”

MODENA- Rischiano una sanzione che varia dai 5 mila ai 6 mila euro i possessori di uno scooter elettrico che, secondo una televendita in onda su qualche tv locale, si può usare senza patente, bollo, casco e assicurazione.

L’avvertimento arriva dal comunicato stampa di Adiconsum Emilia Centrale (associazione di consumatori della Cisl), alla quale si è rivolto un cittadino che risiede in un Comune della provincia e a cui la polizia municipale ha comminato una sanzione di oltre 5 mila euro.

“L’uomo era convinto di essere in regola, invece non lo era– dichiara la responsabile di Adiconsum Emilia Centrale Adele Chiara CanginiSostiene in buona fede che il suo mezzo non è uno scooter, bensì un velocipede. Ma della classica bicicletta a pedalata assistita ha ben poco: ci sono, infatti, solo i pedali. Per il resto ha un motorino elettrico, un acceleratore manuale e le sembianze di uno scooter. Di fatto è un vero e proprio motorino a cui si applica la normativa di qualsiasi altro motociclo: targa, assicurazione e casco”.

Cangini ammette che tra una bicicletta a pedalata assistita e un ciclomotore elettrico la differenza può essere molto sottile.

Per capire questa differenza basta chiedersi se la bici si muove anche senza pedalare – spiega la responsabile dell’associazione consumatori della Cisl – Se il moto della bici non è legato a quello delle gambe, non siamo in sella a un velocipede a pedalata assistita, ma a un ciclomotore elettrico. Per guidare un ciclomotore (anche elettrico) è necessario il rispetto di formalità specifiche, come patente, casco, targa e copertura assicurativa, per essere garantiti in caso di incidente stradale”.

Per l’art. 50 del codice della stradaI velocipedi sono veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 kw la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”.

Questa tipologia di bicicletta mantiene la caratteristica di velocipede, ha un motore elettrico (di potenza max di 250 w) che non sostituisce il lavoro delle gambe, ma le aiuta a fare meno fatica (assiste appunto chi pedala) – sottolinea Cangini – Il motorino ha quindi una funzione ausiliaria e non deve essere in funzione quando non si pedala, poiché serve solo a ridurre lo sforzo di chi pedala. Se si smette di pedalare o se il veicolo raggiunge i 25 Km/h, il motore si ferma. È possibile, inoltre, disattivare il motorino e utilizzare il veicolo come una semplice bici.

La bicicletta elettrica, per restare bicicletta, deve corrispondere ai requisiti della direttiva europea 2002/24/CE del 18 marzo 2002 adottata dal Ministero dei Trasporti con DM 31.1.2004.

La bicicletta a motore (scooter) ha anch’essa un motorino elettrico, che però funziona autonomamente e indipendentemente dal fatto che si pedali o meno. Un vero e proprio acceleratore attiva il motore che funziona anche se non si pedala. Come potenza non deve rispettare il vincolo dei 250 w previsto per il precedente tipo di bici.

Da notare – osserva la responsabile Adiconsum – che è considerata bicicletta a motore anche se il motore funziona sia come quello della bicicletta a pedalata assistita sia come motorino autonomo. L’impiego di tali biciclette è consentito solo all’interno di aree private (ad esempio capannoni industriali e fiere, parchi e giardini ecc.); sono quindi escluse le vie di pubblico accesso e dove avviene la normale circolazione stradale, se sprovvisti della dotazione prevista per i ciclomotori”.

Per guidare la bicicletta a pedalata assistita, quindi,  non sono richiesti particolari requisiti. Mentre per lo scooter elettrico (che funziona anche senza pedalare), serve il casco, l’assicurazione, la targa, il patentino o patente AM e il certificato di circolazione: quindi gli stessi requisiti di uno scooter alimentato a benzina.

L’associazione consumatori della Cisl pone l’attenzione sulle conseguenze legali in cui rischia di incorrere chi guida una bicicletta a motore pensando di guidare una bicicletta elettrica.

 

Ricapitolando:

la mancanza del certificato di circolazione e immatricolazione comporta il sequestro amministrativo ai fini della confisca del veicolo e una sanzione pecuniaria di 158 euro (art. 97 comma 7 Cds);

la mancata copertura assicurativa comporta il sequestro amministrativo ai fini della confisca del veicolo e una sanzione pecuniaria di 866 euro (art 193 commi 1 e 2 Cds);

la mancanza di targa comporta il fermo amministrativo del veicolo per 30 giorni e una sanzione pecuniaria di 79 euro (art. 97 comma 8 Cds);

la mancanza del casco comporta il fermo amministrativo per 60 giorni e una sanzione pecuniaria di 83 euro (art. 171 commi 1, 2, 3, Cds);

la mancanza della patente comporta il fermo amministrativo per tre mesi e una sanzione pecuniaria di 5.100 euro (art. 116 comma 15 Cds).

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Non aveva nessun sintomo ma grazie allo screening ha scoperto il suo cancro e l'ha curato in tempo
    E' la testimonianza di Imogene Minelli, 76 anni, che racconta come ha scoperto il tumore grazie allo screening che viene offerto gratuitamente da Azienda USL di Modena, con invito, a tutte le donne da 45 a 74 anni [...]
    Marino Golinelli compie 101 anni: tanti auguri all'imprenditore filantropo di San Felice
    Ai giovani l'augurio è di trovare in sogno in cui credere e al quale dedicare la propria esistenza", afferma lui in un video augurale pubblicato dalla Fondazione che porta il suo nome.[...]
    Cavezzo, dopo due anni di stop forzato torna il "Giro dell'Argine PMPA"
    Nata nel lontano 2005 è oramai diventata un appuntamento fisso per ii veterani e per tutti  i nuovi amici che, ogni anno, si uniscono alla "combriccola".[...]

    Curiosità

    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]
    Distrutta la panchina della gentilezza a Camposanto
    Distrutta la panchina della gentilezza a Camposanto
    Era il simbolo del voler perseverare con le buone pratiche e le maniere gentili, col rispetto per l’altro e la cura del bene comune[...]
    "Emilia Milleuno", la nuova canzone di Marcello Belloni dedicata all'Emilia
    "Emilia Milleuno", la nuova canzone di Marcello Belloni dedicata all'Emilia
    Il videoclip del brano, disponibile su Youtube, è stato realizzato con gli scatti del fotografo sanfeliciano Roberto Gatti.[...]
    Spariscono i giochi dal parchetto di Dogaro, ecco cosa è successo
    Spariscono i giochi dal parchetto di Dogaro, ecco cosa è successo
    Girava voce che il Comune volesse asfaltare l'area per farci un parcheggio[...]