Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
18 Agosto 2022

Sfiducia Nannetti. Una mano per Nonantola pronta al dialogo

NONANTOLA- La lista civica Una mano per Nonantola ribadisce i motivi che hanno portato alla scelta della mozione di sfiducia alla sindaca Nannetti: una decisione sofferta, che però si è rivelata indispensabile secondo la lista civica.

Questa la nota del gruppo consigliare:

C’è una crisi profonda alla base della scelta, davvero molto sofferta, della Lista civica Una Mano per Nonantola di scrivere e sottoscrivere una mozione di sfiducia alla sindaca di Nonantola.

Non una scelta dettata dalla fretta e dal pressapochismo. Al contrario, deriva da un lungo periodo in cui si è cercato di stimolare il dialogo, l’ascolto e il rispetto anche davanti a decisioni già prese.

Banalizzarne e ridicolizzarne le motivazioni, considerandole inconsistenti e alla stregua di un atto di irresponsabilità- esattamente come avvenuto un anno e mezzo fa con le dimissioni dei due assessori– è dunque inopportuno e non di aiuto.

E non aiuta francamente semplificare la soluzione alla crisi con l’offerta di un posto nella Giunta comunale, quando le modalità di relazione tra la Giunta stessa e il Consiglio, le forze politiche, le rappresentanze e le associazioni del territorio sono le stesse di cui- allora come ora- lamentiamo l’inadeguatezza.

Tutto questo ci restituisce invece la conferma di quanto rimanga distante il nostro modo di vedere questa crisi, e la via per uscirne, da quello della sindaca.

La Lista civica Una Mano per Nonantola è nata in occasione delle ultime elezioni Amministrative e ha raccolto al suo interno la disponibilità di molte persone attive e impegnate tutti i giorni nella società civile e nell’associazionismo. Convinte dalla necessità, anche da parte di chi non ha fatto e non fa parte di partiti politici, di dover contribuire e dare una mano sulle questioni più rilevanti che abbiamo di fronte, da affrontare con dialogo largo e spirito unitario, andando oltre alla delega in bianco. Questa convinzione e questa disponibilità non sono mai venute meno, nonostante le tante difficoltà, proprio per la consapevolezza che i problemi sono complicati e le soluzioni da cercare mai immediate.

Per questo motivo, non abbiamo presentato una mozione di sfiducia nemmeno dopo le dimissioni degli assessori, e nemmeno dopo aver ravvisato che anche queste non hanno modificato in alcun modo il rapporto tra la sindaca e i gruppi politici che l’hanno sostenuta.

Anzi, abbiamo provato a rilanciare la richiesta di allargare il coinvolgimento, almeno nelle scelte fondamentali, proponendo di affrontarle insieme, prima che fossero definite, in un laboratorio programmatico. Scelte fondamentali che riguardano, tra le altre:

  • la grave crisi sociale ed economica amplificata dalla pandemia;
  • l’emergenza abitativa per le famiglie e i singoli in difficoltà;
  • il come tradurre le esigenze, davvero non rimandabili, di conversione ecologica in scelte pratiche di urbanistica, pianificazione, mobilità;
  • l’urgenza di una progettazione per la ripresa e la resilienza del sistema imprenditoriale e della collettività approfittando dei fondi PNRR.

Nemmeno alla fine dello scorso dicembre abbiamo interrotto il percorso, in occasione dell’approvazione del bilancio, per permettere di concludere l’iter in tempi strettissimi proprio per non rallentare le procedure di liquidazione dei rimborsi per l’alluvione.

E questo, nonostante avessimo chiesto per molto tempo e in tutti i modi, senza esito, che sui rimborsi stessi si discutesse e si riferisse con costanza e frequenza in Consiglio comunale, e soprattutto che si trovasse il modo per rimborsare anche i cittadini che erano rimasti esclusi a causa di cavilli burocratici.

Nonostante sulla crisi sociale avessimo chiesto un tavolo inclusione a guida politica forte da parte della sindaca, tavolo che è stato demandato invece a organi amministrativi dell’Unione.

Nonostante sul Piano Urbanistico Generale e sull’assetto idrogeologico avessimo richiesto ripetutamente, anche con ordini del giorno, di avviare il confronto in Consiglio comunale: confronto sempre rimandato dalla Giunta alla conclusione del quadro conoscitivo da parte dei tecnici, ora previsto (pare) non prima di ottobre di quest’anno.

Alla fine di questo gennaio il laboratorio programmatico richiesto da Una Mano per Nonantola si è avviato effettivamente, con  la partecipazione dei gruppi politici PD, Nonantola Progetto 2030, della Lista e della Giunta. Si è iniziato con l’affrontare il tema delle aree e degli insediamenti produttivi, a partire dall’area del PIP Gazzate e del progetto di insediamento logistico di oltre 7 ettari presentato in Commissione consiliare solamente alla fine di questo gennaio, senza che i gruppi politici venissero preventivamente informati. L’aspettativa era che, a fronte di punti di vista molto diversi, su temi di così vasta portata e impatto, il confronto potesse svilupparsi con tempi, in sedi e con una profondità adeguati.

Invece a inizio marzo, la nostra Lista è stata informata dalla sindaca che questo progetto, già depositato in Comune lo scorso luglio e già al vaglio degli organi tecnici competenti, sarebbe approdato in Consiglio comunale per l’approvazione finale entro questo stesso mese di aprile. La legge regionale infatti prevede un iter amministrativo semplificato per i progetti di sviluppo di attività economiche già insediate.

Sul merito ci siamo già espressi con un comunicato approfondito. Ribadiamo la nostra profonda costernazione nell’apprendere la tempistica e definitività del progetto, laddove l’insediamento solo per il 30% può ritenersi sviluppo di una attività economica esistente che si occupa di tessile, ma per il 70% riguarda un’attività logistica nuova a vocazione regionale.

Mentre sul PUG e sull’adozione dei nuovi vincoli derivanti dalle criticità idrogeologiche del territorio ci vengono costantemente riferite cause di forza maggiore che ne rallentano il percorso, questo progetto viene perfezionato e concluso in tempi brevissimi. Si tratta di due procedure differenti, ne siamo consapevoli, ma la perplessità è legittima.

Possiamo considerare del tutto normale e fisiologico alla dinamica democratica che un insediamento logistico sulla già satura Nonantolana, non previsto dal piano regolatore vigente né  dal programma elettorale condiviso, che sigilla in una unica soluzione oltre 7 ettari di terreno ad alto rischio di alluvione, sia stato già definito dopo una negoziazione in solitaria condotta sicuramente non in tempi brevi dal Sindaco, e che possa essere dato per acquisito all’ultimo, anche grazie al probabile voto di una forza di opposizione?

E’ accettabile, dopo aver ripetutamente chiesto dettagli in merito, venire a sapere dell’esistenza di progetti candidati ai fondi PNRR solo da una intervista successiva alla mozione, progetti ad oggi non diciamo discussi, ma nemmeno resi noti ad alcun gruppo politico?

E’ accettabile che ancora non sia stato avviato alcun confronto sostanziale sul PUG con le forze politiche e che le informazioni che arrivano siano generiche e frammentarie?

Quale messaggio trasmette una sindaca che rifugge di fatto il dialogo, determinando le scelte più importanti prima di discuterle? Quale idea di responsabilità e di democrazia fa trasparire questo continuo arroccamento e rifiuto del confronto politico da parte dell’amministrazione? Quali effetti pesantissimi di divisione, frammentazione e frattura politica e sociale può causare all’interno della società, tra i cittadini, nel mondo delle associazioni? E’ questo il bene della comunità?

Possono essere davvero solamente derubricate a “inconsistenti” queste preoccupazioni, come sostiene la sindaca?

Ci è sempre stato chiaro, e lo è oggi ancora di più, che le crisi profonde del presente richiedano più che mai uno sforzo largo e una capacità di dialogo straordinaria per individuare strade percorribili e il più possibile degne: un atto di coraggio e di vera responsabilità che finora da parte del Sindaco non si è materializzato.

Tutto ciò premesso, siamo consapevoli dei problemi derivanti dal commissariamento di un Comune per un lungo periodo. Ma siamo consapevoli anche dei problemi derivanti da un’Amministrazione che governa senza una maggioranza effettiva in Consiglio comunale. Come possono i consiglieri di Una Mano per Nonantola lasciar passare i provvedimenti con il ricatto delle conseguenze di un commissariamento?

Per dare una risposta soddisfacente ed esaustiva a questi interrogativi e alle legittime preoccupazioni, abbiamo lavorato con determinazione a una prospettiva di apertura che trasformi la crisi in una opportunità e si è proceduto a un dialogo serrato e intenso, al nostro interno e poi con le altre forze firmatarie della mozione di sfiducia.

Proporremo, unitamente alle altre forze firmatarie della mozione, in uno specifico documento, una serie di questioni (atteggiamento sulle aree produttive, sui progetti presentati per i finanziamenti dal PNRR, su una road map sul PUG, ad esempio), sulle quali chiederemo un impegno ufficiale da parte della sindaca e del PD, nel segno della trasparenza e del pieno coinvolgimento democratico delle forze politiche”.

 

LEGGI ANCHE

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Sei titoli che profumano di estate
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della tabacchiera
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
La situazione dell'economia italiana oggi
Il rapporto di Confindustria evidenzia una forte capacità delle imprese italiane a fronteggiare l’attuale situazione di incertezza, nonché la capacità di “un popolo di risparmiatori” a supportare la propensione al consumo di keynesiana memoria.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Isola di Diego Passoni
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cheesecake
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Dente dolorante: ecco cosa fare
Non tutti i dolori ai denti sono uguali: esistono, infatti, tanti tipi differenti di mal di denti e per questo è molto importante rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia non appena il dolore si presenta.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Lezioni di chimica di Bonnie Garmus
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    La fondazione Golinelli forma gli ambasciatori delle discipline Steam
    I docenti hanno lavorato su intelligenza artificiale e rapporto uomo macchina, sostenibilità e open schooling, inclusione e personalizzazione, dati e visualizzazione.[...]
    "Un poquito Reggaeton", disponibile il nuovo singolo della mirandolese Raffy
    Si tratta di un brano dal sound internazionale prodotto da Costi Ionita e scritto dall'artista sudamericano Randy[...]
    Calcio, la finalese Eleonora Goldoni si trasferisce al Sassuolo
    Ex Napoli e Inter, la calciatrice Eleonora Goldoni disputerà la prossima stagione con la maglia neroverde del Sassuolo[...]

    Curiosità

    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    A smontare il mito dello zampone nato a Mirandola è lo storico Alberto Grandi, docente di storia dell'alimentazione all'Università di Parma, nel podcast "Doi, Denominazione di Origine Inventata"[...]
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Recentemente era stato il cantante Morgan a lanciare l'idea, che aveva trovato l'appoggio e l'entusiasmo anche di Renzo Arbore.[...]
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    Si tratta del primo passo verso la nascita di una rete nazionale dei Comuni che ospitano i giochi senza frontiere, una realtà già legata a livello nazionale dal network “Italia Gioca senza frontiere”.[...]
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    La collezione appartiene a Renato Zavatti, ex dipendente della Olivetti da sempre affascinato da questi strumenti di cui conosce la storia nei minimi particolari. [...]
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Un'offerta di lavoro da sogno in un paradisiaco atollo delle Maldive: riconosciuto dall'Unesco come "Riserva della Biosfera".[...]
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    I gusti sperimentati in viaggio ispirano a provare la cucina etnica una volta rientrati in Italia. In estate il 60% consuma cibo etnico con la stessa frequenza di altre stagioni.[...]
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    L'iniziativa nell'ambito di Educational – Ciclovia del Sole, il tour dedicato ai Comuni sottoscrittori dell’accordo sulla Ciclovia del Sole[...]
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    la piattaforma on-line “In Cantiere – Agenda delle opere pubbliche” nata dalla collaborazione tra la Provincia di Modena e la società Poleis[...]
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Martina ha 33 anni ed è mamma di due bimbi: è riuscita a prendere il diploma e immortala sulle pelle il suo successo[...]
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    I cantieri sono finanziati coi proventi delle sanzioni amministrative per la violazione dei limiti di velocità previsti dal codice della strada riscossi nel 2021[...]
    • malaguti