Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
02 Luglio 2022

Mancanza di materie prime e costo del gas: la guerra in Ucraina mette in difficoltà il settore ceramico

di Simone Guandalini – Sono tanti i settori dell’economia messi a dura prova, in Europa e dunque anche in Italia, dalla guerra attualmente in corso in Ucraina. Se il primo effetto a livello economico della guerra è stato subito evidente a tutti (cittadini, aziende ed enti pubblici), con l’aumento dei costi delle utenze energetiche, che già avevano avuto un rialzo nei mesi precedenti alla guerra, ma che hanno subito, a partire dallo scorso mese di febbraio, un’ulteriore impennata (in particolar modo per quanto riguarda il gas), ci sono conseguenze meno evidenti che vanno, però, a colpire nello specifico singoli settori dell’economia. Per esempio, il settore auto, in quanto gli stabilimenti per il cablaggio di alcuni grandi marchi automobilistici si trovano proprio in Ucraina e hanno subito rallentamenti o stop delle produzioni soprattutto nei primi mesi di guerra. Un altro settore colpito dalle conseguenze della guerra è quello ceramico, di cui proprio il territorio modenese può vantare la presenza di uno dei più importanti distretti mondiali:

“Abbiamo scoperto dopo l’inizio della guerra – spiegano dalla FAP di San Felice, azienda attiva da oltre 40 anni nell’ambito della vendita di pavimenti, rivestimenti e arredo bagno e, che, dunque, si inserisce a metà della catena che dalle industrie produttrici di ceramiche porta alla vendita del prodotto al cliente finale (privati o aziende) – che una delle fonti primarie della materia prima fondamentale per realizzare le piastrelle, ovvero l’argilla, è l’Ucraina, per cui la guerra ha notevolmente complicato la situazione. Attualmente, quello che si nota è una mancanza dei materiali necessari per la realizzazione dei prodotti (le piastrelle), oppure tempi molto lunghi nel loro reperimento. Per questo, stiamo consigliando ai clienti di muoversi con un po’ di anticipo, proprio per ovviare alla carenza dei prodotti e riuscire ad avere quello che si cerca”.

Se la mancanza di materie prime costituisce un tratto peculiare del settore ceramico e di tutte quelle aziende, come la FAP, che, all’interno di questo settore, si inseriscono nella catena tra la produzione e la vendita dei prodotti all’utente finale, anche l’aumento del prezzo del gas e la pandemia da Coronavirus, che pure hanno riguardato in generale tutte le attività, non hanno risparmiato questo settore. Con l’ulteriore problematica, legata nello specifico al territorio modenese, della ricostruzione dopo il sisma del 2012, di cui nei prossimi giorni ricorrerà il decennale:

“Venivamo da un periodo pre-pandemia già complicato, in cui, con il discorso del terremoto, diversi anni sono stati concentrati sulla ricostruzione, con un modo di lavorare molto legato ad essa – continuano dalla FAP di San Felice, specializzata, per quanto riguarda l’ambiente bagno, oltre che nella vendita di arredo, sanitari e rubinetteria, anche nella progettazione (ad esempio con disegni in 3D). – Si partiva, dunque, già da una situazione un po’ negativa. La pandemia e, successivamente anche la situazione più attuale (guerra in Ucraina e aumenti delle bollette), hanno contribuito a rendere ancora più difficile questo periodo. Intanto dal punto di vista dei costi, perchè, essendo noi rivenditori, siamo l’anello centrale della catena: se i nostri fornitori, principalmente le ceramiche, aumentano i prezzi a causa dell’aumento dei costi, come è accaduto nell’ultimo periodo, noi ne risentiamo e anche i prezzi di vendita al pubblico finale crescono, come è accaduto nell’ultimo anno. Poi, anche il fatto che, durante la pandemia, si sia fermata la produzione per alcuni periodi, ha fatto sì che nel tempo tutto abbia ritardato di conseguenza. Anche le ceramiche stesse si sono trovate con carenze di materiale”.

L’ultimo periodo non ha, tuttavia, riservato solo conseguenze negative per il mondo legato al distretto ceramico. Se, da un lato, pandemia, aumento del costo delle utenze energetiche e mancanza di materie prime hanno sicuramente complicato la situazione, infatti, dall’altro, gli incentivi edilizi, quali bonus e superbonus 110%, hanno aumentato le richieste di prodotti, coinvolgendo, anche se non direttamente come quello edilizio, anche il settore ceramico:

“Con gli incentivi attuali (bonus edilizi e superbonus 110%) – confermano dalla FAP – in proporzione molta più gente si è mossa per realizzare lavori nelle proprie abitazioni, quindi la richiesta è abbastanza alta rispetto allo standard ed è effettivamente aumentata in tutto il settore edile. Spesso questa tipologia di lavori coinvolge anche aziende come la nostra. Magari non si tratta dell’intervento primario per cui si ricorre al bonus, ma, nel momento in cui ci sono dei lavori in corso nella propria abitazione, tanti ne approfittano per rifare la pavimentazione o il bagno, e qui entriamo in gioco noi. Possiamo dire di essere contenti dal punto di vista della quantità di lavoro. Discorso diverso, invece, per quanto riguarda la qualità: si lavora un po’ male perchè, come detto, ci sono problemi di reperibilità del materiale e aumento dei costi”.

LEGGI ANCHE:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Tutta la stanchezza del mondo di Enrica Tesio
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere dell'albicocca
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del miele
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDa Novi al Sudafrica: le macchine agricole di Andreoli Engineering fanno il giro del mondo
    • WatchTante e belle motociclette domenica a Mirandola.
    • WatchA spasso nel bosco di San Felice sul Panaro

    La buona notizia

    Rimosse auto abbandonate a Bomporto e Nonantola
    Gli agenti di Polizia Locale Unione del Sorbara sabato hanno restituito decoro a due aree pubbliche[...]
    Tiroide ed eventuali nodi ora si vedono in 3 dimensioni in ospedale a Carpi
    Il software ad elevata tecnologia è stato donato dall’Associazione Pazienti Tiroidei Onlus [...]
    Scompare in Calabria, il liceo di Ancona inonda di cartoline il suo paese per rompere l'omertà
    I ragazzi e le ragazze anconetane avevano partecipato a un campo di Libera a Crotone e hanno conosciuto la mamma del giovane 19enne di cui non si hanno notizie da 9 anni: lupara bianca[...]

    Curiosità

    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    Su invito della sindaca il Nucleo Cinofili Carabinieri di Bologna ha effettuato una dimostrazione pratica che ha suscitato tanto entusiasmo e curiosità[...]
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Dottorandi ed aziende del biomedicale cercano il loro matching professionale[...]
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monari[...]
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    Il tema del 2023 sarà "Il tempo di prenderci cura"[...]
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense torna in centro storico dopo due anni di pandemia. L'allegria e l'entusiasmo dei ragazzi sfilano in corteo insieme alle cerchie[...]
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Eugenio Gagliardelli, a.d. della ceramica Opera di Camposanto, porta nella Bassa la frutta della sua azienda agricola di Maranello. Il ricavato va in beneficienza[...]
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.[...]
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    Almeno per un pomeriggio, un centinaio di sanfeliciani di tutte le età ha potuto riscoprilo: grazie all'accordo tra azienda agricola Mediplants e Comune, è stato reso di nuovo accessibile. [...]
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Prima il padre poi la madre oppure viceversa, lo decidono i genitori[...]
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Dal 2 giugno saranno sparsi nei luoghi più frequentati del paese[...]
    • malaguti