Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
22 Giugno 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Candidati a confronto a Mirandola, la cronaca della serata di dibattito

 

MIRANDOLA - Secondo banco di prova per i quattro contendenti alla carica di primo cittadino mirandolese, dopo l'appuntamento dei giorni scorsi: nella serata di martedì 21 maggio, Carlo Bassoli (centrosinistra), Letizia Budri (centrodestra), Giorgio Cavazza (Movimento Cinque Stelle) e Giorgio Siena (Più Mirandola), si sono confrontati sulle questioni economiche prioritarie per la città dei Pico, interrogati dalle associazioni di categorie del territorio, segnatamente Lapam, Confcommercio, Confesercenti e Cna. A moderare il dibattito, la direttrice di Sulpanaro.net Antonella Cardone, che ha aperto la serata chiedendo solidarietà per Letizia Budri, vittima di un vile attacco online, inneggiante alle Brigate Rosse.

A seguito di un’ouverture di presentazioni tenute dai quattro contendenti (in cui ciascuno ha ribadito le ragioni della propria candidatura), il focus della discussione si è subito incentrato sulla necessità di salvaguardare e potenziare l’eccellenza del distretto biomedicale. A esordire, Carlo Bassoli, che ha rivendicato la necessità di pensare in grande: “dobbiamo radicare le risorse umane che animano tali realtà produttive. Occorrono politiche abitative forti, con un rafforzamento del polo d’interscambio. E’ fondamentale favorire il passaggio dall’ossido di etilene a tecnologie più sostenibili”. Risponde il “battitore libero” Giorgio Cavazza, dispiegando uno dei cavalli di battaglia del Movimento Cinque Stelle. “Propagandiamo un’economia circolare”, spiega, “favorita da una migliore viabilità, con strade prive di alto impatto ambientale. MI sento di promettere uno sportello comunale di aiuto per gli imprenditori, desiderosi di utilizzare i fondi del PNRR”. “Abbiamo corso il rischio che le multinazionali, dopo il terremoto, delocalizzassero: non è successo grazie al nostro meraviglioso indotto”, puntualizza la Budri, “che abbiamo teso a potenziare anche con il corso di laurea in bioingegneria, fondamentale per incrementare il già forte know-how che ci caratterizza”. L’ex preside Siena sceglie invece di cavalcare il tema della formazione, insistendo sugli alti tassi di abbandono scolastico. “Quest’ultimo raggiunge il 10%”, riflette, “di conseguenza presto potrebbe mancare la manodopera per le nostre imprese. Smentisco Bassoli quando la definisce esclusivamente una questione educativa: manca l’educazione professionale regionale”.

“La questione Ucman non scalda gli animi, ma è importante”, prosegue Antonella Cardone, incentrando la tenzone sulla tematica dell’Unione Area Nord. “Abbiamo votato contro la MIrandolexit”, ricorda Cavazza, “perché il percorso deve avanzare verso una fusione delle municipalità. Certo, negli ultimi quindici anni non si è data grande prova di unità: auspico un rientro della città nell’Ucman, perché cambiare si può e in meglio”. Alla stoccata risponde la première dame leghista, rivendicando la scelta assunta dall’amministrazione Greco. “Il Comune di Mirandola ha scelto di recedere, incentrando servizi strategici”, insiste Budri, “quindi non rientreremo. La reinternalizzazione della polizia locale è stato un successo, con un’importante ripresa delle politiche assunzionali”. Cita i “rapporti di forza” Giorgia Siena, che invoca una popolazione numerosa per pesare maggiormente a livello politico. “Eravamo contrari al divorzio con Ucman”, commenta, “ma non crediamo in un nuovo ingresso. Superiamo la pigrizia dei campanili, procediamo spediti verso la fusione”. Incalza Bassoli, rimbrottando alla destra la posizione separazionista, al centro il fusionismo radicale. “Occorre riformare l’Unione”, dichiara, “ma vogliamo ristabilire la leadership politica della città nella Bassa”.

Spazio alla questione energetica, con il tema Aimag: a dispetto delle preoccupazioni delle associazioni di categoria, quale futuro per la partecipata? “Sono stati tentati incontri con i comuni afferenti alle Terre d’Argine”, ribadisce la Budri, “ma hanno levato gli scudi. Serve un nuovo patto di sindacato, con un mandato elettorale forte. Aimag deve avere la possibilità di collaborare anche con altri partners, non solo Hera”. Cavazza dà man forte all’avversaria leghista, confermando la validità delle valutazioni espresse: “tutti e quattro vorremmo non perdere la multiutility, è una gallina dalle uova d’oro”. Bassoli punge la destra, citando l’intervento di Roberto Ganzerli e i – presunti – errori di Guglielmo Golinelli. “Serve un coordinamento fra i servizi pubblici”, affonda, “anche Novi (in mano al centrodestra) ha votato come Carpi”. Siena analizza la situazione con la metafora del cavallo di Troia: “l’attuale cda di Aimag opera a favore di Hera dall’interno, auspico un patto di sindacato per ricostituire la parte pubblica. Sarà una battaglia dura”.

La direttrice Cardone si concentra poi sul tema della ricostruzione, specialmente su quella pubblica. “Vedo immobilismo, la destra promette di realizzare, nei prossimi cinque anni, quello che non si è fatto negli ultimi cinque”, punge Bassoli, “servirebbe una visione che ora non c’è. Il mio impegno sarà recuperare il tempo perso in questa consigliatura”. “Due metri e due misure”, asserisce il candidato Cinque Stelle, “l’edilizia privata è quasi completa, quella pubblica è inesistente. Mi piacerebbe venisse edificato un museo per testimoniare la nostra storia. C’è tanto ancora da fare, dopo dodici anni”. L’assessore ai lavori pubblici Budri, incalzata sul proprio ambito d’azione, risponde netta: “abbiamo subito diversi pensionamenti di dirigenti significativi, nonché l’azzeramento dei fondi sisma. In più, abbiamo subito la crisi dei materiali e il Covid. Questa è la verità”. Siena rimprovera le promesse del 2019, concedendo l’attenuante delle circostanze storiche. “La giunta sembrava l’albergo del libero scambio”, ironizza, “con un grande turnover di assessori. Gli stessi alleati hanno rimproverato a Letizia Budri numerosi ritardi. Quanto la Mirandolexit ha inciso su tale dilatazione dei tempi?”.

“Le associazioni sono preoccupate per la crisi del centro storico”, rimanda Antonella Cardone, “ma i negozi sono presidi sociali e civili. Cosa fare per una rivitalizzazione?”. “Abbiamo perso tante attrazioni”, debutta Cavazza, “un tempo Mirandola era un salotto. C’erano luoghi di aggregazione bellissimi”. La Budri considera la necessità di una continuità d’azione con il quinquennio 2019-’24, con un’accelerazione di quanto attuato: “bisogna favorire esperienze positive nel cuore della città, con azioni coordinate con la periferia. Abbiamo spinto sul turismo nelle valli”. Siena insiste sulla concezione di città storica, in cui tutto è concentrato all’interno della rete urbana. “Non verrà realizzato il multisala”, commenta, “ma si può riportare il cinema al centro, magari in teatro o nel castello”. Chiude il tema Bassoli: “la sicurezza è legata anche all’abitazione dei luoghi. Incuria a abbandono causano disagio sociale e paesaggistico. Potremmo aiutare il commercio con un aumento dell’IMU sui negozi sfitti: ciò stimolerebbe le concessioni d’affitto”.

Fuoco d’artificio finale con la questione Cispadana che torna ormai ad ogni campagna elettorale come i tortellini a Natale, ha ricordato Cardone, isto che se ne parla ma i cantieri non aprono mai.

“Quando le persone vengono a Mirandola promettendo questa infrastruttura”, dice Siena, “vanno poi a Bologna o Roma dimenticandosene, come Salvini. Sono scettico, nonostante pensi che sia necessaria. Strada a scorrimento veloce o autostrada? Purché si faccia…”. Il candidato PD riflette sull’impatto ambientale, asserendo di preferire lo scorrimento veloce: “abbiamo un problema di consumo del territorio, a residenti invariati. È una criticità su cui lavorare. Rivendico l’agganciamento al polo intermodale di Poggio Rusco e il trasporto su rotaia”.  Cavazza nega l’utilità dell’autostrada, dando l’assist a Bassoli sul polo di Poggio: “sono favorevole alla strada a scorrimento veloce tout court, con basso impatto ambientale”. Chiama in causa la Regione Letizia Budri, condividendo lo scetticismo di Siena: “dal 2010 a oggi, si sono pagati moltissimi soldi per questa infrastruttura. Condivido la politica del purché si faccia”.

 

 

SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Ricchezza e povertà degli italiani
Rubrica - Italia al 18° posto nella classifica europea del PIL pro capite stilata dal Fondo Monetario Internazionale.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 6
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Estetica, espressività e decorazione | Il Liberty industriale a San Possidonio
Rubrica - Ed eccoci ad una nuova uscita dedicate all’Art Nouveau, la rubrica di Francesca Monari, nata dalla collaborazione con Sara Zoni
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 4
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 3
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Il loop della scarsità
Glocal - La nostra è un’epoca plasmata da un eccesso di stimoli che ci seducono nella direzione dell’accumulo: consumare più del necessario, acquistare oggetti inutili e cercare piaceri effimeri.

Sul Panaro on air

    • WatchPresidio dei lavoratori Bellco Mirandola sotto Confindustria: si discute dei 350 licenziamenti
    • WatchSit in per Anna, la medica vittima di femminicidio. a San Felice sul Panaro
    • WatchA Mirandola la rabbia dei lavoratori licenziati alla Bellco. La manifestazione del 15 giugno 2024
  • La buona notizia

    I risultati
    Giovanni Aleotti, ciclista di Finale Emilia, vince il Giro di Slovenia
    Grande successo per il giovane finalese -  ciclista professionista del Team Bora Hansgrohe, reduce da ottime prove anche al Giro d'Italia-  che a 25 anni porta a casa un titolo prestigioso
    Ultime notizie
    Un’esperienza in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico di Modena
    Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex pazienti alla Triton Cup ospitata di recente nel Parco dell’Arcipelago Toscano
    L'anniversario
    Giornata del donatore, una visita ai Sassi di Roccamalatina con Avis
    Previste escursioni guidate, giochi per i bambini, incontri sulla storia alla scoperta di questo suggestivo luogo protetto del nostro Appennino. 

    Curiosità

    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    La storia
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    Seguire le regole aiuta a mantenere un ambiente sereno e piacevole per tutti. Ai "rari nantes" Mirco Scacchetti lo spiega pure in latino
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Curiosità
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Per salvarli, dopo il fallimento del loro allevamento, venne attivata una raccolta fondi online che raggiunse la cifra di 56mila euro per un progetto diverso, una adozione a distanza
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    Politica
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    I candidati sindaco Letizia Budri, Carlo Bassoli, Giorgio Siena e Giorgio Cavazza sotto al fuoco di fila dei giornalisti della Bassa
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Il punto
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Tanti i casi in cui è stato necessario prestare soccorso ad anziani in difficoltà
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    I risultati
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    Grande soddisfazione espressa per la buona riuscita della manifestazione che ha visto partecipare circa 200 vigili del fuoco provenienti da tutta Italia
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Il caso
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Tra gli abitanti della frazione di Bomporto c'è chi chiede che per gli animali si trovi un'area protetta
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    Il punto
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    La Polizia Locale del Sorbara lo ha trovato con le videotrappole: aveva danneggiato con un cacciavite l’apertura elettronica dei cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti per ben due volte, in due distinte giornate
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Curiosità
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Un recente studio di BonusFinder Italia ha analizzato le 50 città più grandi d’Italia tenendo conto di diversi fattori chiave che caratterizzano l'esperienza di divertimento.
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Taglio del nastro
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Vale più di tre milioni di euro - è questa la stima dell'assicurazione - e sul mercato  dell'arte è ambitissimo: gli americani vanno pazzi per le opere dell'artista centese

    chiudi