Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
25 Giugno 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Baby gang a Mirandola, la sicurezza va sostenuta con la prevenzione

Dopo i recenti casi di baby gang in azione a San Felice sul Panaro, in particolare alla stazione dei treni e alla Coop, nelle ultime settimane anche i cittadini sono stati chiamati in causa per segnalare alle forze dell’ordine ulteriori elementi su eventuali casi, per poter intervenire e fermare ogni malefatta.

Baby gang, il fenomeno tocca anche Mirandola

A Mirandola, le zone colpite sembrano essere il supermercato Conad, il McDonald's e il Bowling. Tutti luoghi di grande affluenza, sia centrali che di periferia e molto vissuti, soprattutto dai giovani. Il supermercato è molto vicino alle scuole e i ragazzi lo raggiungono a piedi, dopo la scuola. Mentre il McDonald's è aperto da mattina a sera, quindi il passaggio dei ragazzi è continuo: è di pochi giorni fa la notizia che l'auto di un dipendente del Mc Donald's è stata presa di mira da un gruppo di ragazzi dopo un diverbio al Drive. Anche altre auto sono state danneggiate. Infine, il Bowling, più in periferia, fa solo orari serali: qui, alcuni mesi fa un ragazzino è stato aggredito e ferito da una baby gang. Per avere informazioni in merito, mi sono recata nei luoghi citati, e ho parlato con alcuni addetti dei locali, ma si avverte una sensazione di disagio misto a timore a parlarne. La loro risposta è stata molto sbrigativa: mi hanno detto che non sapevano nulla o che non potevano parlare perchè impegnati. Mentre alcuni hanno rifiutato di rispondere. Le rare risposte, più o meno univoche che ho avuto, sono state: “la situazione sta pian piano creando molte paure negli altri adolescenti, che temono per la loro sicurezza, e devono purtroppo evitare questi luoghi per non incorrere in situazioni spiacevoli”, oppure “Rincresce che zone dove ci si dovrebbe divertire e stare insieme, per causa di “alcuni”, diventino off limits, costringendo gli altri a privarsi di queste opportunità”, 

Sicurezza a Mirandola

A volte le baby gang si guadagnano i titoli dei giornali per le loro bravate che sfociano in veri e propri reati: danneggiamenti, scherzi di cattivo gusto e aggressioni. Le forze dell’ordine intervengono, monitorano le situazioni, denunciano, ma non basta. A parlare con loro, emerge l'amarezza, oltre alla delicatezza dovuta quando ci sono di mezzo i minori. Ho avuto modo di contattare telefonicamente l’Avv. Elena Gavioli, che si è resa disponibile a rispondere ad alcune domande. Specializzata anche in questi temi e curatrice speciale del minore. Ovvero la figura che compie uno o più atti specifici in sostituzione e nell’interesse del minore in caso in cui non possano essere compiuti dai genitori, o dagli esercenti di potestà, per un conflitto di interessi sorto tra questi soggetti ed il minore stesso.

Domanda: Quali sono i pericoli?

Risposta: Il pericolo delle Baby Gang, è che, socialmente, se non lo è già, possa diventare una “moda d’essere”, per farsi grandi o per fare addirittura, conquiste, e poi chissà che altro. Può portare un disagio nei ragazzi, che se non fanno le stesse cose, che fanno i “bulli”, possono arrivare a pensare che valgono meno o in taluni casi vengono addirittura isolati dal gruppo. Oppure alcuni non escono più per timore. Non è possibile sapere, poiché ognuno è diverso e ha la propria reazione, ma non è giusto che i ragazzi si adeguino a una situazione, non comune.

D: Quindi per poter uscire in sicurezza, come fare?

R: Innanzitutto, è necessario parlare e ascoltare di più i ragazzi, poiché non è possibile sapere quali sono i rischi per la loro sicurezza e tranquillità emotiva. Nulla è da sottovalutare, ed è necessario che venga spiegato “molto bene” ai minori, che non è così che bisogna fare nella società. Monitorando con pazienza e costanza il minore, in particolare modo sui social. Evidenziando che un comportamento errato, porta conseguenze anche gravi. La formazione dei giovani è nostra responsabilità e va seguita e tutelata.

Baby Gang: dietro a questi episodi, ci sono dei ragazzi, quasi sempre minorenni

Affrontare questi temi è spesso complicato. I giovani hanno bisogno di aiuto e sostegno, in quanto sono in una fase delicata e forse in questi tempi difficili, la società non riesce a dare le giuste risposte. La cosa certa è che fatti di questo tipo non possono essere all’ordine del giorno e va in qualche modo sensibilizzata anche la cittadinanza, in modo efficace. 

Prevenire è meglio che curare

Sappiamo tutti molto bene, quanto sia importante la prevenzione, in tutti i casi di violenza, atti ingiusti e o pericolosi. Parlare di questi temi, non è mai semplice e il disagio di ragazzi che, insieme, fanno quello che fanno, non può passare inosservato. Non è giusto, né per chi subisce l’attacco, né per chi attacca, con la forza, in baby gang. Entrambi i soggetti interessati hanno le loro “motivazioni”, e per questo la valutazione va fatta a 360 gradi e sempre con cautela e rispetto.  

I dati ad oggi sulle Baby Gang

Da un rapporto della Direzione Investigativa Italiana, emerge un incremento importante di crimini violenti commessi da minori. Secondo i dati diffusi dal Dipartimento della Giustizia Minorile, tra il 2020 e il 2021 circa il 68,2% dei reati è stato commesso da minori. Un dato estremamente allarmante, nella nostra società. Atti vandalici, rapine, furti e aggressioni sono i reati più frequenti compiuti dalle baby gang.

E’ giusto specificare che cosa si intende per “Baby Gang”

Con questo termine, si intende quel gruppo dominante che in un sistema di relazioni asimmetriche impone leggi e prezzi da pagare per il “diritto di cittadinanza”. Fortemente spinta al “conformismo di gruppo”, si differenzia da altri tipi di gruppi giovanili per alcune caratteristiche:

  • È guidata da un leader.
  • Ha una precisa gerarchia interna.
  • Controlla un territorio (borgata, classe, ecc).
  • È stabile nel tempo.

Ma quali sono le cause che spingono questi giovani a commettere atti devianti?

Nell’analizzare le cause di questo fenomeno è necessario prendere in considerazione diversi ambiti, tenendo presente, in particolar modo, gli ambienti dove gli adolescenti vivono e si confrontano:

  • La Famiglia: contesti familiari problematici caratterizzati da conflitti, perdite, divorzi, abusi, mancanza di ascolto e contatto emotivo, provenienza da famiglie multiproblematiche spesso affiliate a loro volta a contesti devianti, deprivati sia da un punto di vista economico che culturale, possono essere considerati come cause precipitanti il disagio generazionale; inoltre, la presenza di alcune forme di devianza in famiglie “benestanti”, è probabilmente espressione di un altro tipo di povertà, quella relazionale. Spesso si tratta di ragazzi ai quali apparentemente non manca nulla, ma che hanno bisogno di stordirsi, di eccitarsi e che solo attraverso la violenza ci riescono.
  • Il Disagio, la devianza e la delinquenza: in altre parole, i ragazzi che, per colmare il forte vuoto esistenziale che li accompagna, commettono agiti devianti, per lo più azioni trasgressive, per sperimentare forti emozioni ed affermare la propria presenza nel mondo.
  • La Scuola: la carenza educativa e affettiva della famiglia chiama direttamente in causa il ruolo di un altro importante “contenitore” formativo, la scuola. È a scuola che il ragazzo sperimenta se stesso e si misura con l’altro, dunque questo “contenitore” può rappresentare un’alternativa valida per introiettare altri e nuovi modelli di riferimento che orientino il processo educativo e di socializzazione; non sempre però la scuola si trova preparata a svolgere questo ulteriore compito, manifestando sempre più un’imbarazzante noncuranza rispetto alla profonda crisi esistenziale che tocca le nuove generazioni e rinunciando, di fatto, a quella funzione mediatrice che è bussola indispensabile di una personalità in formazione.
  • Rifiuto dei pari e aggregazione selettiva tra compagni: il gruppo dei pari, riveste un ruolo fondamentale, al punto da essere considerato, al pari della famiglia e della scuola, un importante elemento formativo e di socializzazione, seppur di tipo informale. Rappresenta una forma di aggregazione spontanea tipica dell’età adolescenziale che riveste una grande importanza nel processo di crescita e differenziazione. Non sempre però il gruppo garantisce accoglienza, protezione e riconoscimento per la nuova identità in modo sponteneo, per cui può accadere che l’adolescente sperimenti una sensazione di rifiuto da parte del proprio gruppo di riferimento. Questo rifiuto può determinare una tendenza ad aggregarsi selettivamente con altri compagni strutturando rapporti di sfiducia con il resto dei pari. In tale prospettiva, il rifiuto e l’aggregazione selettiva tra pari costituiscono due importantissimi indicatori di rischio di devianza minorile.

Come affrontare il problema delle Baby Gang?

Innanzitutto attraverso la prevenzione, nel sociale che interessa tutti, dai ragazzi, agli insegnati e i genitori. È necessario farsi carico del problema e promuovere interventi tesi a costruire una cultura del rispetto e della solidarietà. Fare prevenzione anche a scuola, che significa anzitutto ritrovare fiducia nel mandato sociale dell’istruzione e questo può e deve essere possibile.

E’ necessario che la società si adoperi per la creazione di spazi di aggregazione 

C’è necessità di occasioni d'ascolto e dialogo reali, in cui il ragazzo possa sentirsi meno solo e abbandonato, dove possa “incontrare” l’altro, imparando a rispettare se e gli altri. Per far si che questo si realizzi è dunque necessario che scuola e famiglia si alleino, sostenendosi a vicenda per evidenziare le risorse dei ragazzi attraverso strumenti più sensibili, poiché insieme si può fare tanto.



SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Glocal
Ricchezza e povertà degli italiani
Rubrica - Italia al 18° posto nella classifica europea del PIL pro capite stilata dal Fondo Monetario Internazionale.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 6
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Estetica, espressività e decorazione | Il Liberty industriale a San Possidonio
Rubrica - Ed eccoci ad una nuova uscita dedicate all’Art Nouveau, la rubrica di Francesca Monari, nata dalla collaborazione con Sara Zoni
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 4
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 3
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • La buona notizia

    La novità
    Mirandola, nuovo "negozio su ruote" per "La Frolleria"
    L'arrivo del nuovo mezzo è stato annunciato da Anffas Mirandola
    I risultati
    Giovanni Aleotti, ciclista di Finale Emilia, vince il Giro di Slovenia
    Grande successo per il giovane finalese -  ciclista professionista del Team Bora Hansgrohe, reduce da ottime prove anche al Giro d'Italia-  che a 25 anni porta a casa un titolo prestigioso
    Ultime notizie
    Un’esperienza in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico di Modena
    Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex pazienti alla Triton Cup ospitata di recente nel Parco dell’Arcipelago Toscano

    Curiosità

    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    Curiosità
    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    E' quanto rivela la ricerca "GenZ e Pasta: amore ai pasti e non solo...", condotta dai pastai di Unione Italiana Food in collaborazione con AstraRicerche
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    Arte
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    In classifica anche l'aceto balsamico di Stefano Pivetti di San Prospero
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Curiosità
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Il ponte che conduce al Museo della Decima Divisione a Fort Drum (New York) è stato battezzato con il nome di “Bomporto Bridge”
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    La storia
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    Seguire le regole aiuta a mantenere un ambiente sereno e piacevole per tutti. Ai "rari nantes" Mirco Scacchetti lo spiega pure in latino
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Curiosità
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Per salvarli, dopo il fallimento del loro allevamento, venne attivata una raccolta fondi online che raggiunse la cifra di 56mila euro per un progetto diverso, una adozione a distanza
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    Politica
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    I candidati sindaco Letizia Budri, Carlo Bassoli, Giorgio Siena e Giorgio Cavazza sotto al fuoco di fila dei giornalisti della Bassa
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Il punto
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Tanti i casi in cui è stato necessario prestare soccorso ad anziani in difficoltà
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    I risultati
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    Grande soddisfazione espressa per la buona riuscita della manifestazione che ha visto partecipare circa 200 vigili del fuoco provenienti da tutta Italia
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Il caso
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Tra gli abitanti della frazione di Bomporto c'è chi chiede che per gli animali si trovi un'area protetta

    chiudi