Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
08 Febbraio 2023

Alice Neri e l’assassino, spietato killer, predone nella notte

Un killer lucido, esperto, un predone. Si chiarirebbero i contorni dell’omicidio di Alice neri, la giovane mamma di Ravarino uscita da casa giovedì 17 per un aperitivo e trovata cadavere l’indomani nel bagagliaio della sua auto carbonizzata a Fossa di Concordia. Sarebbe stato un 29enne il suo killer,Mohamed G., un tunisino irregolare sul territorio italiano, con un decreto di espulsione a suo carico, che viveva a Vallalta, poco distante dal luogo del ritrovamento. I due non si conoscevano.

Di lui non si hanno tracce dal giorno dopo l’assassinio, ora si troverebbe all’estero e Procura e forze dell’ordine stanno facendo di tutto per rintracciarlo. Nelle ultime ore l’abitazione del 29enne è stata perquisita ed è stato informato l’avvocato difensore d’ufficio Roberta Vicini. Le ipotesi di reato a carico dell’uomo sarebbero di omicidio volontario e distruzione di cadavere.

La ricostruzione

Dopo due settimane di incessanti e puntuali indagini condotte dalla pm Claudia Natalini, gli inquirenti hanno scoperto che la sera del delitto il giovane era nello stesso bar dove Alice era andata a prendere un aperitivo con il suo collega.
L’ipotesi è che l’abbia puntata lì, e appena ha capito che la ragazza sarebbe rimasta da sola avrebbe architettato il suo piano criminale. Cosa abbia fatto esattamente, non si sa, ma la ricostruzione che vede conciliare i tempi e le immagini delle telecamere sulla strada sarebbe questa. Mentre Alice è nel locale, il 29enne avrebbe scassinato la portiera dell’auto e si sarebbe seduto dietro, appostato al buio in attesa della preda. Alle 2 e 30 quando Alice saluta il collega, questi va via, lei resta sola ed entra nella sua macchina. Una volta dentro, il killer si sarebbe palesato, probabilmente ha un coltello o cocci di bottiglia. Sorprende la ragazza e la minaccerebbe: “Parti”. Questo spiegherebbe perché Alice è partita dal bar dieci minuti dopo avere salutato il collega. 

Cosa aveva in mente l’uomo? Voleva derubarla? Voleva stuprarla? Aveva già deciso che l’avrebbe ammazzata? Continuiamo con le ipotesi.

Il delitto, l’ipotesi di come è andata

Lasciato il parcheggio del bar, della macchina di Alice si sono perse le tracce davanti a un caseificio, dove la telecamera aziendale ne ha immortalato il passaggio alle 2.40 del mattino. Non si vede chi la guida. Potrebbe essere Alice o il killer, nè si vede se in auto sono in due o da soli. Alice, insomma, potrebbe essere già morta. Magari il killer l’ha uccisa subito, nel parcheggio del bar. Oppure no.

Oppure sono in due, Alice è ancora viva quando l’auto arriva in un posto isolato. “Fermati qui!”, avrebbe ordinato l’assassino. Alice è inerme, terrorizzata, vorrebbe solo che tutto finisse, vorrebbe tornare a casa. Non sapremo forse mai cosa è accaduto esattamente una volta che i due sono rimasti soli, al buio. Lui l’ha violentata? L’ha torturata? L’ha costretta all’orrore?
Lei muore. Subito o dopo tante ore, il momento esatto non si conosce.

L’incendio e la fuga

Alice è morta. Il killer  – che sia il 29enne o un altro, in questa ipotesi non è importante – è lucidissimo, sa cosa si fa in questi casi. Prima cosa, far sparire le prove. Seconda cosa, scomparire.
Nasconde il corpo della povera Alice nel bagagliaio, poi nasconde bene l’auto. Oppure la lascia lì, in quel campo isolato a Fossa, e nessuno ci ha fatto caso. Si deve procurare della benzina per dare fuoco alla macchina, ci mette un po’, probabilmente va a rubarla in qualche azienda agricola della zona, visto che i distributori che sono lì attorno dicono di non avere riempito nessuna tanica in quei giorni.
Poi torna con la tanica piena a Fossa.
Adesso sono i Vigili del fuoco a dettare i tempi: intervenuti alle ore 21, dopo che un passante ha visto il fumo, hanno valutato che l’auto se la stava mangiando il fuoco da almeno tre ore.
Nel pomeriggio di venerdì quindi, appena ha fatto buio il killer è tornato a Fossa, ha dato fuoco con estrema accuratezza e professionalità alla macchina: in poche ore è tutto distrutto.
L’uomo ora deve scomparire. Trova un passaggio o prende un autobus o un treno, sa che deve fuggire. E fugge. Se è davvero stato il 29enne, non ha niente da perdere: non ha lavoro, non ha legami, non ha affetti qui.

Il bottino

All’incendio è scampato poco. Quindi non sappiamo se il killer ha con sé il portafoglio e i soldi di Alice, se aveva rubato il suo cellulare. Probabilmente sì. Ci ha curiosato morbosamente, ha buttato già quando il marito ha cominciato a telefonare in cerca della moglie e con estrema maestria è riuscito a disinnescare i pericoli di individuazione. Disconnette la localizzazione, blocca le chiamate. Probabilmente ha resettato completamente il cellulare, forse gli serviva, forse lo usa ancora.

I precedenti

I profiler che in questi giorni hanno commentato il caso di Alice Neri lo avevano detto. E’ un assassino adulto, esperto, che si muove agevolmente e lucidamente. Probabilmente ha precedenti penali.
Del 29enne iscritto nel registro degli indagati sappiamo al momento che è destinatario di un provvedimento di espulsione, ma non è automatico che abbia commesso qualche reato per averlo ottenuto, è reato anche solo essere clandestini sul territorio nazionale, in Italia.
Fatto sta che il modus operandi  – chiunque esso sia – fa pensare che non fosse la prima volta questa: non se ne accorge nessuno che ha preso di mira Alice, coglie di sorpresa la donna, nasconde per quasi 24 ore un cadavere, cancella tutte le prove materiali e le prove informatiche. Senza mai fare un passo falso.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Nuovo scenario per lo stress test delle banche
L’ABE (Autorità Bancaria Europea), meglio conosciuta con l’acronimo inglese EBA, e la BCE (Banca Centrale Europea) hanno cambiato i criteri per misurare la capacità delle banche europee a resistere alle situazioni sfavorevoli del mercato finanziario.leggi tutto
Come risparmiare energia, i consigli di Sinergas - L'impianto fotovoltaico
Un impianto fotovoltaico da 3 kWp installato sul tetto di un’abitazione media permette di ridurre fino al 60% il prelievo di energia elettrica dalla reteleggi tutto
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica
La passione per piante e fiori? Fa bene alla salute! Rubrica botanica a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dello zabaione
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Quando si perdono i denti, vanno sostituiti. Anche quelli dietro che non si vedono
Si può creare un’instabilità di tutta l’arcata dentale, quindi cefalee e problemi posturali, dolori alle articolazioni, mal di schiena e tensioni muscolari.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchQuando l'emicrania è donna. A che punto sono i nuovi studi per debellare il mal di testa
    • WatchPiù di 2500 multe all'autovelox di Massa Finalese: il bilancio della Polizia Locale di Finale Emilia
    • WatchPolizia Locale di Mirandola, il bilancio del 2022

    La buona notizia

    Terreni agricoli nei pressi della villa Pico di Portovecchio, indetto il bando per la concessione
    La struttura di San Martino Spino in epoca rinascimentale era un allevamento di cavalli, poi centro logistico militare[...]
    Mirandola, 47 posti in più all'asilo per bimbi e bimbe, aprono due nuovi nidi
    Questa mattina  è stato il turno del Micronido “Belli & Monelli” (viale della Favorita, 9) alla presenza delle istituzioni locali.[...]
    Quando l'emicrania è donna. A che punto sono i nuovi studi per debellare il mal di testa
    Nel periodo compreso tra pubertà e menopausa, circa il 27 per cento delle donne ne risulta affetto[...]

    Curiosità

    La California tra la Bassa e l'America, intervista alla regista Cinzia Bomoll
    La California tra la Bassa e l'America, intervista alla regista Cinzia Bomoll
    Chiacchierata sul cinema, Tik tok, miti e futuro con la regista bolognese Cinzia Bomoll alla prima del suo ultimo film nella Bassa[...]
    Medolla, l'azienda Menù protagonista a Sanremo con una pizza dedicata a Chiara Ferragni
    Medolla, l'azienda Menù protagonista a Sanremo con una pizza dedicata a Chiara Ferragni
    L'azienda Menù di Medolla è stata confermata per il terzo anno consecutivo official supplier di Casa Sanremo[...]
    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.[...]
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    Il semaforo più "bucato" è quello nell’intersezione fra via Guastalla e la tangenziale “Losi”, in direzione ovest (cioè verso Rio Saliceto)[...]
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    La grande coperta sarà formata da quadrati di 50x50 cm eseguiti ai ferri o all’uncinetto da chiunque voglia partecipare all'iniziativa[...]
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Parla una delle traduttrici italiane della casa editrice, la carpigiana Sara Crimi[...]
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    A Roma il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi ha organizzato per la cineasta conterranea un rendez vous nella sede del Ministero con tutti i grandi nomi della cultura[...]
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Tante le persone recatesi nello shop di Alle Tattoo per commemorare attraverso un tatuaggio la scomparsa del grande campione[...]
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Preply - piattaforma globale di apprendimento delle lingue - ha realizzato uno studio per individuare le città più educate d’Italia[...]
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    La collaborazione tra lo sport e l'artista modenese sfocerà anche in eventi benefici dove si potranno acquistare le maglie delle giocatrici[...]
    • malaguti