Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
24 Luglio 2021- Aggiornato alle 15:24

“Veleno”, dopo l’incontro col padre Federico Scotta, Naga si racconta attraverso una canzone

“Hanno iniettato veleno dentro queste vene, cuori che ardono di rabbia, fiamme e cherosene”. Comincia così il ritornello della canzone “Veleno”, scritta da Nik Scotta, in arte Naga, per raccontare la propria vita. Nik, ora 24enne, è il figlio di Federico Scotta, condannato in via definitiva a 11 anni di carcere, già scontati, nell’ambito del caso “Diavoli della Bassa”. Nik è uno dei sedici bambini che, tra il 1997 e il 1998, a Mirandola e a Massa Finalese, furono allontanati dalle proprie famiglie a seguito di accuse riguardanti pedofilia, riti satanici e omicidi di bambini.

Nel 2020, Nik, cresciuto da genitori affidatari, ha deciso di incontrare, a 23 anni di distanza dall’ultima volta, quel 7 luglio 1997 in cui aveva appena sei mesi e di cui, come dice nel primo verso della canzone, non ricorda nulla, il padre biologico Federico Scotta, sempre dichiaratosi innocente, nonostante la condanna definitiva, e la madre Lamhab, di origini thailandesi.

“La canzone “Veleno” è nata proprio dopo aver ritrovato e conosciuto mio padre – spiega Nik. – Avevo voglia di raccontare questa situazione, la vita che ho vissuto e quella che mi è stata tolta. Così mi sono messo a scrivere e il testo è nato in una sera. Sentivo, però, che mancava un’ultima parte, un tassello, per chiuderla definitivamente. Ho capito cosa mancasse solo dopo aver incontrato mio padre Federico. L’ultima parte della canzone, in cui dico “non si può chiamare vita senza libertà, c’è chi dentro ad una cella vede un po’ più in là” è ispirata ad una frase che mi ha detto quando ci siamo conosciuti. Mi ha detto che negli anni in cui eravamo lontani guardava sempre fuori dalla finestra tre stelle, che simboleggiavano i suoi tre figli (anche le due sorelle di Nik, Elena e Stella, sono state allontanate dalla famiglia biologica, ndr)”.

Il caso “Diavoli della Bassa” è stato approfondito dal giornalista Pablo Trincia tramite un’inchiesta sotto forma di podcast e libro, entrambi dal titolo “Veleno”, lo stesso della canzone di Naga. “Veleno” è anche il titolo della docu-serie uscita recentemente (a fine maggio), su Amazon Prime Video, diretta dal regista Hugo Berkeley. La canzone “Veleno” doveva essere inserita nella docu-serie, racconta Nik Scotta, ma all’ultimo non è stato possibile:

“Prima dell’uscita della docu-serie, io conoscevo già tutta la storia. Sapevo da molto tempo, grazie ai contatti con mio padre, che sarebbe uscita questa serie, anche se lui non mi ha detto, prima dell’uscita, tutto quello che ha raccontato all’interno della serie. Inizialmente, la mia canzone doveva fungere un po’ da colonna sonora, specialmente nelle parti in cui si parlava della storia di Federico. Purtroppo, però, essendomi stata fatta la proposta quando la serie era già in fase di montaggio, non ho avuto i tempi tecnici per poter terminare la canzone in tempo per inserirla prima della pubblicazione della serie”.

“Siamo frammenti di vetro di uno specchio noi, c’è chi riesce a ritrovarsi mentre altri mai. Brucerò all’inferno per quello che provo. Vado avanti, passa il tempo, però non rimuovo”. Continua così il ritornello di “Veleno”, che dimostra come, nonostante siano passati più di vent’anni, non sia facile per Nik andare oltre ai fatti accaduti nel 1997, che gli hanno certamente cambiato la vita. Un passo importante in questo senso, però, è stato senza dubbio l’incontro con il padre Federico Scotta, con il quale ha ora instaurato un ottimo rapporto.

“Incontrare mio padre dopo così tanti anni non è stato facile – racconta Nik. – Inizialmente avevo molta paura, anche se avevo voglia di scoprire la verità e di chiarire alcune situazioni, dopo che per più di vent’anni non avevo potuto farlo. Quando l’ho visto per la prima volta è stata un po’ una sorpresa… sapevamo entrambi che ci saremmo trovati in una condizione in cui saremmo magari rimasti senza parole. Alla fine abbiamo fatto due chiacchiere, non sapevamo neanche se darci la mano oppure un abbraccio, è stata una situazione particolare. Il primo incontro è stato abbastanza lungo e anche pesante, perchè non abbiamo affrontato discorsi leggeri. Dopo un po’, però, è andata via la paura. La prima cosa che mi ha detto mio padre è che io avrei potuto anche non chiamarlo papà, ma semplicemente Federico, come se fosse un amico. Lui sapeva, e sa, che i genitori sono quelli che crescono un figlio”.

LEGGI ANCHE:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchLa Bike Map delle Ciclovie nella Bassa Modenese
    • WatchVaccino anti Covid, un successo l'open day di San Felice
    • WatchBonaccini in visita all'azienda Fanny Srl di Nonantola

    La buona notizia

    Concordia, parco delle Rimembranze: installati due nuovi giochi inclusivi
    Installati due nuovi giochi inclusivi: un’altalena a nido e una giostra Carosello sulla quale possono salire tutti i bimbi, anche con la sedia a rotelle, per girare e divertirsi in compagnia.[...]
    Aumenti luce e gas luglio 2021: cresce il risparmio con il mercato libero fino all’81%
    In occasione degli aumenti comunicati da ARERA per le bollette luce e gas a Luglio 2021, Segugio.it, in collaborazione con SOStariffe.it, ha pubblicato uno studio sui costi e le occasioni di risparmio che il mercato libero dell'energia offre. [...]
    Calendario eterno, Dante ha vissuto gli stessi nostri giorni
    Il mirandolese Romano Pollastri ha studiato la ripetizione degli anni, scoprendo diverse curiosità[...]

    Curiosità

    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    La ragazza si era tuffata in acqua intorno alle 17 in compagnia di alcune amiche quando è stata trascinata al largo dalle forti correnti.[...]
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Un'niziativa del Comune in collaborazione con le associazioni[...]
    Calendario eterno, Dante ha vissuto gli stessi nostri giorni
    Calendario eterno, Dante ha vissuto gli stessi nostri giorni
    Il mirandolese Romano Pollastri ha studiato la ripetizione degli anni, scoprendo diverse curiosità[...]
    Bonaccini e assessori nel modenese: tappe anche a Ravarino e Bomporto
    Bonaccini e assessori nel modenese: tappe anche a Ravarino e Bomporto
    Gli investimenti per la ripartenza del territorio modenese sono stati al centro della giornata, mercoledì 14 luglio.[...]
    Arpae, online le previsioni dell’indice UV
    Arpae, online le previsioni dell’indice UV
    Il servizio di Arpae è stato rinnovato ed esteso a tutta la Regione. Previsioni quotidiane con relativi consigli di comportamento.[...]
    Benzina, oltre 11 euro in più per un pieno rispetto a un anno fa
    Benzina, oltre 11 euro in più per un pieno rispetto a un anno fa
    Faib Confesercenti Modena: "Aumenti mai visti, un salasso per consumatori e operatori"[...]
    A Camposanto la selezione regionale di Miss Italia: Beatrice Alessi è la vincitrice
    A Camposanto la selezione regionale di Miss Italia: Beatrice Alessi è la vincitrice
    E' avvenuto nel corso della Fiera di Luglio che in questi giorni sta ravvivando il paese.[...]
    Concordia, cinque generazioni festeggiano Giuseppina Meschiari che oggi compie 96 anni
    Concordia, cinque generazioni festeggiano Giuseppina Meschiari che oggi compie 96 anni
    E' la più anziana della famiglia, mentre la più giovane è Giselle, nata 8 mesi fa. [...]
    Alle Tatoo racconta su Rai 1 il progetto di Museo del tatuaggio di Limidi di Soliera
    Alle Tatoo racconta su Rai 1 il progetto di Museo del tatuaggio di Limidi di Soliera
    E' stato ospite di' Dedicato' in diretta su Rai1, condotto da Serena Autieri (attrice, cantante e conduttrice) con Gigi Marzullo.[...]