Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Alluvione Panaro, la denuncia dell’idrologo Orlandini: “Era prevedibile e l’avevo detto: guardate gli istrici negli argini”

MODENA – Lo straripamento del Panaro a Gaggio, e il conseguente disastro con l’alluvione di Castelfranco, sono eventi che interrogano le responsabilità di più ambiti: dalla politica, alle forze di protezione civile, passando naturalmente per l’accademia. Già, perché la ricerca avrebbe potuto scongiurare i drammatici eventi di domenica, se solo fosse stata presa in considerazione: questa la denuncia di Stefano Orlandini, professore ordinario di idrologia presso l’Università di Modena e Reggio. In effetti, l’esperto dell’ateneo modenese aveva pubblicato, già nel 2015, una ricerca inerente i danni apportati agli argini del Panaro dalle popolazioni di istrici: un’inchiesta rivelatrice, che all’epoca riscontrò grande favore presso la comunità scientifica, ma che non suscitò altrettanto interesse nelle stanze del potere. Per capirne di più, abbiamo intervistato il professore, che ci ha spiegato dal punto di vista tecnico la dinamica della calamità.

Professore, la piena di domenica era prevedibile? 

Certamente, ed è stata prevista con tre-quattro giorni d’anticipo. Nell’ultima settimana si sono intersecati eventi metereologici estremamente pericolosi: alle precipitazioni in pianura, si è congiunto lo scioglimento delle nevi in montagna. Un mix temibile, ma non “letale”.

A questo proposito, Unimore ha realizzato un modello matematico fondamentale per prevedere l’evoluzione della piena. Come funziona? 

Si tratta di una simulazione, che descrive l’evoluzione spazio-temporale dell’onda di esondazione successiva alla rottura arginale. In sostanza, è un modello che misura la rapidità con cui l’acqua si diffonde nel territorio, tenendo conto delle specificità topografiche dell’area esaminata. La simulazione risulta estremamente precisa e celere, tanto che impiega solo quindici minuti per ottenere le informazioni che altri sistemi elaborano dopo quindici ore di computazione. Potrebbe risultare un ausilio fondamentale per l’azione dei pompieri, della Protezione Civile e delle autorità (sia nazionali, che locali).

Professore, è riuscito a farsi un’idea delle cause della rottura dell’argine? 

Diciamo che in mente ho un’ipotesi estremamente plausibile. In effetti, già nel 2015, avevo pubblicato una ricerca accuratissima circa la disastrosa esondazione del 2014: le rilevazioni avevano infatti dimostrato come, in quell’occasione, a causare l’indebolimento arginale in via Tronco, a Gaggio, fosse stata una vasta popolazione di istrici, avvezza a scavare gallerie nei terrapieni di contenimento del Panaro. L’articolo suscitò il plauso di tanti colleghi, ma venne sostanzialmente ignorato dalla politica. Quindi, in questi anni è stato fatto poco o niente, e ad oggi ci troviamo nell’ennesima situazione di emergenza.

Come possiamo evitare in futuro simili calamità? 

Vede, l’emergenza è la terza fase della gestione degli argini: prima, occorre agire su prevenzione e manutenzione. Si tratta di due passaggi imprescindibili, se vogliamo evitare calamità come quelle di domenica. Si è tanto insistito sull’eccezionalità del disastro, ma l’argine non è stato sormontato da una piena di altezza straordinaria. E’ crollato, probabilmente per incuria nella sua gestione. Nel 2014, in Via Tronco, l’inondazione è stata contenuta solo grazie all’azione eroica di ruspisti bravissimi, come Giovanni Molinari, che hanno rischiato la propria vita per tappare la falla.

Cosa fare rispetto alle popolazioni di istrici che devastano gli argini? 

Non è il mio campo, penso però che occorra trovare il modo di convivere con questa specie animale. Non possiamo più permetterci in futuro calamità di questo tipo.

 

LEGGI ANCHE

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]