Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
25 Ottobre 2021

Alluvione Panaro, la denuncia dell’idrologo Orlandini: “Era prevedibile e l’avevo detto: guardate gli istrici negli argini”

MODENA – Lo straripamento del Panaro a Gaggio, e il conseguente disastro con l’alluvione di Castelfranco, sono eventi che interrogano le responsabilità di più ambiti: dalla politica, alle forze di protezione civile, passando naturalmente per l’accademia. Già, perché la ricerca avrebbe potuto scongiurare i drammatici eventi di domenica, se solo fosse stata presa in considerazione: questa la denuncia di Stefano Orlandini, professore ordinario di idrologia presso l’Università di Modena e Reggio. In effetti, l’esperto dell’ateneo modenese aveva pubblicato, già nel 2015, una ricerca inerente i danni apportati agli argini del Panaro dalle popolazioni di istrici: un’inchiesta rivelatrice, che all’epoca riscontrò grande favore presso la comunità scientifica, ma che non suscitò altrettanto interesse nelle stanze del potere. Per capirne di più, abbiamo intervistato il professore, che ci ha spiegato dal punto di vista tecnico la dinamica della calamità.

Professore, la piena di domenica era prevedibile? 

Certamente, ed è stata prevista con tre-quattro giorni d’anticipo. Nell’ultima settimana si sono intersecati eventi metereologici estremamente pericolosi: alle precipitazioni in pianura, si è congiunto lo scioglimento delle nevi in montagna. Un mix temibile, ma non “letale”.

A questo proposito, Unimore ha realizzato un modello matematico fondamentale per prevedere l’evoluzione della piena. Come funziona? 

Si tratta di una simulazione, che descrive l’evoluzione spazio-temporale dell’onda di esondazione successiva alla rottura arginale. In sostanza, è un modello che misura la rapidità con cui l’acqua si diffonde nel territorio, tenendo conto delle specificità topografiche dell’area esaminata. La simulazione risulta estremamente precisa e celere, tanto che impiega solo quindici minuti per ottenere le informazioni che altri sistemi elaborano dopo quindici ore di computazione. Potrebbe risultare un ausilio fondamentale per l’azione dei pompieri, della Protezione Civile e delle autorità (sia nazionali, che locali).

Professore, è riuscito a farsi un’idea delle cause della rottura dell’argine? 

Diciamo che in mente ho un’ipotesi estremamente plausibile. In effetti, già nel 2015, avevo pubblicato una ricerca accuratissima circa la disastrosa esondazione del 2014: le rilevazioni avevano infatti dimostrato come, in quell’occasione, a causare l’indebolimento arginale in via Tronco, a Gaggio, fosse stata una vasta popolazione di istrici, avvezza a scavare gallerie nei terrapieni di contenimento del Panaro. L’articolo suscitò il plauso di tanti colleghi, ma venne sostanzialmente ignorato dalla politica. Quindi, in questi anni è stato fatto poco o niente, e ad oggi ci troviamo nell’ennesima situazione di emergenza.

Come possiamo evitare in futuro simili calamità? 

Vede, l’emergenza è la terza fase della gestione degli argini: prima, occorre agire su prevenzione e manutenzione. Si tratta di due passaggi imprescindibili, se vogliamo evitare calamità come quelle di domenica. Si è tanto insistito sull’eccezionalità del disastro, ma l’argine non è stato sormontato da una piena di altezza straordinaria. E’ crollato, probabilmente per incuria nella sua gestione. Nel 2014, in Via Tronco, l’inondazione è stata contenuta solo grazie all’azione eroica di ruspisti bravissimi, come Giovanni Molinari, che hanno rischiato la propria vita per tappare la falla.

Cosa fare rispetto alle popolazioni di istrici che devastano gli argini? 

Non è il mio campo, penso però che occorra trovare il modo di convivere con questa specie animale. Non possiamo più permetterci in futuro calamità di questo tipo.

 

LEGGI ANCHE

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Tutto esaurito ai nuovi corsi dedicati alla conoscenza del balsamico tradizionale e alla conduzione di una acetaia
    Il fascino del balsamico seduce anche i più giovani: oltre la metà dei partecipanti ha meno di 30 anni. Il 40% dei partecipanti, in totale 65, è composto da donne.[...]
    Anna Confente racconta le Manigolde di Finale Emilia, la sartoria sociale e solidale
    L'ha intervista l'esperta di risorse umane di Mirandola Francesca Monari.[...]
    Bimbi esclusi dal nido, a Mirandola ora si danno fino a 300 euro di bonus per la babysitter
    E' una soluzione momentanea in attesa che si creino nuovi posti per i lattanti[...]

    Curiosità

    Canale cattura-sole, in Emilia-Romagna parte lo studio di fattibilità
    Canale cattura-sole, in Emilia-Romagna parte lo studio di fattibilità
    Nei mesi scorsi in Regione è stato approvato un ordine del giorno, proposto dal Movimento 5 stelle, che impegna la Giunta Bonaccini sulla solarizzazione del Cer[...]
    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Al campione di Tavullia arrivati in dono prodotti tipici dell'Emilia-Romagna[...]
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]